Ultimo aggiornamento alle 14:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Caos sanità

Cure Covid, la “coperta corta” fra Corigliano Rossano e Cosenza

Trasferimenti dal “Giannettasio” per coprire i 10 posti di terapia sub-intensiva all’Annunziata mentre il rapporto paziente-infermieri non regge

Pubblicato il: 20/03/2021 – 7:23
di Luca Latella
Cure Covid, la “coperta corta” fra Corigliano Rossano e Cosenza

CORIGLIANO ROSSANO La teoria è quella della coperta corta. Quando si tira da una parte per aprire un reparto di terapia sub-intensiva e si scopre dall’altra, svuotando un altro reparto Covid, i problemi di assistenza ai pazienti si moltiplicano.
È quanto starebbe accadendo sull’asse Corigliano Rossano-Cosenza. Da qualche ora nel capoluogo sono stati attivati dieci nuovi posti letto di terapia sub-intensiva, ma sottraendo cinque infermieri in servizio al reparto Covid del “Giannettasio”.

I numeri

Personale che sulla carta non sarebbe sufficiente né per un servizio né per l’altro se è vero com’è vero che il rapporto malato-infermiere nelle sub-intensive è 1 a 3. I cinque non bastano a coprire, quindi, il servizio per i 10 posti letto sub-intensivi e scoprono ulteriormente il già falcidiato personale del polo Covid di Corigliano Rossano.
In altri termini «si tenta di spogliare un santo per vestirne un altro» mormora fra i denti più di qualche infermiere costretto al surplus di lavoro che supera anche le sedici ore consecutive. In tutto questo anche i tre pneumologi pare siano costretti a fare da spola fra i due reparti.   

La consegna dei lavori

Cosa accadrà fra qualche giorno, quando saranno consegnati i lavori per il reparto Covid nuovo di zecca, realizzato al quinto piano dell’ospedale di Rossano è di difficile interpretazione. Saranno trenta i posti letto disponibili ma con personale risicatissimo. Oggi la pneumologia Covid rossanese che sulla carta è dotata di dieci posti letto, di ricoverati ne conta diciassette. Le stanze singole sono diventate doppie ed anche i locali che un tempo erano destinati all’Unità di terapia intensiva cardiologica, privi di una finestra, ospitano ben quattro pazienti affetti dal virus. (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x