Ultimo aggiornamento alle 18:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

«Dal 6 aprile riapriamo a pranzo e cena». Da Vibo l’iniziativa del gruppo “Zona Bianca” – LA LETTERA

Iniziativa degli esercenti della ristorazione. Avviata anche la class action contro il governo Draghi

Pubblicato il: 31/03/2021 – 11:45
«Dal 6 aprile riapriamo a pranzo e cena». Da Vibo l’iniziativa del gruppo “Zona Bianca” – LA LETTERA

VIBO VALENTIA Una dura presa di posizione, un’azione collettiva per inviare al presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì e al presidente del consiglio, Mario Draghi, una sorta di “ultimatum” per dichiarare la Calabria “zona gialla”. Un moto di protesta che vede in prima linea il popolo delle partite iva, «fortemente penalizzato dalle misure restrittive e letteralmente al lastrico». È lo stesso Gruppo “Zona Bianca”, che si è messo «immediatamente all’opera con una durissima proposta “provocatoria”». 

Il gruppo “Zona Bianca”

«Dal 6 Aprile riapriamo a pranzo e cena – annunciano – ma c’è di più. Da Vibo Valentia parte la prima classe action dei ristoratori contro il Governo Draghi». «Gli esercenti della ristorazione, non solo sono stati abbandonati, ma si sentono proprio sotto attacco da parte delle Istituzioni, e denunciano i gravissimi disagi e le sofferenze patite a causa delle restrizioni e di aiuti mai giunti e dal valore insignificante rispetto ai sacrifici a loro imposti». 

La rabbia dei ristoratori

«In molti, in questi mesi, – spiegano – hanno ricevuto avvisi di sfratto, pignoramenti, revoche di fidi bancari, segnalazioni come cattivi pagatori e sospensione delle utenze per morosità. Gli esercenti osservano indignati e arrabbiati, come tutti gli altri settori commerciali in qualche modo hanno ripreso, mentre loro fermi a guardare non riescono nemmeno a sostenere le proprie spese quotidiane. “Bisognava chiudere tutto, ma veramente tutto, subito, senza eccezioni, a fine estate” sostiene qualcuno. “Si sarebbero evitati tanti morti e adesso probabilmente si sarebbe potuto ripartire in sicurezza”». La speranza resta riposta nei vaccini, ma i ristoratori temono che «con i ritmi così lenti di non riuscire ad arrivare in tempo utile per salvare i sacrifici di una vita». «Le nostre attività sono state chiuse senza alcun nesso scientifico – denunciano – con l’aumento dei contagi e senza alcuna prova in merito che ne giustifichi la chiusura, soprattutto applicando i protocolli e le rigide misure di sicurezza». «I famigerati ristori di cui tutti parlano, non solo non arrivano – accusano i promotori del comitato – ma quando arriveranno saranno sicuramente insufficienti, e non basteranno nemmeno per affrontare le spese di gestione, figuriamoci per salvare i sacrifici di una vita e le proprie famiglie. I ristoratori, ormai disillusi, non hanno più alcuna speranza e alcuna fiducia nelle Istituzioni e quindi hanno deciso di agire da soli». «Sulla scorta anche delle numerose incoerenze legislative, gli esercenti hanno scritto al Presidente della Regione, chiedendo di intervenire immediatamente per “fermare questa carneficina”. Inoltre hanno preannunciato al Governo la prima azione collettiva di risarcimento danni per quanto sofferto in questo ultimo anno a causa delle restrizioni».

«Riapriamo a pranzo e cena»

«Dal 6 Aprile, i ristoratori riapriranno a prescindere dalla colorazione della Regione Calabria, a pranzo e a cena, rispettando tutte le regole per la tutela della salute della clientela e del personale», annunciano. «Spirlì è anche stato invitato a Vibo Valentia a confrontarsi con la categoria. Nei prossimi giorni, il gruppo “Zona Bianca”, annuncia altre iniziative di protesta, e se non otterranno le dovute attenzioni, annunciano “la protesta civile ad oltranza anche a mezzo della riapertura, per fronteggiare il grave stato di necessità e di bisogno di sostegno».  Nel frattempo il gruppo sta predisponendo la prima azione giudiziaria collettiva a livello provinciale contro il Governo per «ottenere un risarcimento serio, non solo di natura patrimoniale ma anche morale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb