Ultimo aggiornamento alle 23:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’omicidio

Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, padre e figlio andranno a processo

Joselito e Michael Marras hanno scelto e ottenuto il rito abbreviato. Non sono stati riconosciuti la premeditazione e i futili motivi

Pubblicato il: 29/04/2021 – 17:21
Fratelli calabresi uccisi in Sardegna, padre e figlio andranno a processo

CAGLIARI Hanno scelto il rito abbreviato Joselito Marras, 53enne, arrestato assieme al figlio 28enne Michael, entrambi accusati del duplice omicidio volontario dei due allevatori calabresi, Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, uccisi nelle campagne di Dolianova il 9 febbraio dello scorso anno. Si è chiusa così questa mattina l’udienza preliminare davanti al giudice del tribunale di Cagliari, Giorgio Alteri.

Le accuse

Entrambi sono accusati di aver ucciso i due fratelli e di aver gettato i loro corpi nella macchia mediterranea, alla mercé dei cinghiali. Il movente del delitto, secondo il pubblico ministero Gaetano Porcu che ha condotto le indagini, sarebbe da ricercare nelle liti continue per questioni di pascolo e nella tensione che, nel tempo, si era accumulata tra le due famiglie. Difesi dagli avvocati Maria Grazia Monni, Patrizio Rovelli e Fabrizio Rubiu, padre e figlio hanno chiesto e ottenuto di essere processati con l’abbreviato. Respinte le richieste di aggravare il capo d’imputazione presentate dai legali Salvatore Sorbilli e Gianfranco Piscitelli, che assistono la famiglia arrivata dalla Calabria e che si è costituita parte civile. Autorizzata la costituzione anche dell’associazione Penelope, che per un mese aveva cercato i due fratelli scomparsi. Sarà rappresentata dall’avvocato Antonello Spada.

No alla premeditazione e ai futili motivi

Le parti civili avrebbero voluto che la Procura contestasse il duplice omicidio aggravato, così da impedire l’abbreviato e spalancare le porte della Corte d’Assise che avrebbe, in caso di condanna, potuto infliggere l’ergastolo. Le indagini però non hanno dimostrato né la premeditazione né i futili motivi. Ha ottenuto l’abbreviato anche Stefano Mura, 43 anni di Dolianova, accusato di favoreggiamento nel delitto e assistito dagli avvocati Gianfranco Trullu e Doriana Perra. Terminata una tesissima udienza preliminare, a cui ha preso parte il più giovane degli imputati, il giudice ha fissato il processo che prenderà il via il 15 giugno, direttamente con la requisitoria del pm. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x