Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la stagione

In Calabria la meta turistica più economica tra le 20 più richieste in Italia

È a Sant’Andrea Apostolo dello Jonio il soggiorno più “cheap” per chi intende affittare una casa vacanza per brevi periodi

Pubblicato il: 21/06/2021 – 13:53
In Calabria la meta turistica più economica tra le 20 più richieste in Italia

CATANZARO Per le vacanze estive si preferiscono le permanenze nelle case vacanza ai soggiorni in hotel. Il settore degli affitti brevi – secondo una ricerca del Sole 24 ore è in netta ripresa dopo aver subito il brutto colpo inferto dall’emergenza sanitaria. Anche chi sceglie di trascorrere le ferie in Calabria opta per affittare un appartamento al mare, o in montagna, per qualche settimana, in alcuni casi prolungando il soggiorno anche dopo le ferie e fermandosi per brevi periodo di lavoro da remoto. Il Sole 24 ore ha individuato le 20 mete più scelte dagli italiani per questo tipo di villeggiatura, tra queste c’è una località in provincia di Catanzaro S. Andrea Apostolo dello Ionio.

Uno scorcio del borgo

Tra le più richieste ma anche l’offerta più economica di tutte. Nel report dove viene mostrato il costo medio di un alloggio per ogni meta turistica nei mesi estivi, S. Andrea Apostolo figura con un prezzo medio di 64€ a notte ad agosto, mostrandosi come la location più “chip” di tutte a fronte dei 148€ di Villasimuis in Sardegna, la città più cara d’Italia per gli affitti brevi.

I dati

Il trend positivo per l’estate 2021

Nella tabella che vuole dare una idea del prezzo medio sono state analizzate 20 tra le località più richieste, tutti appartamenti che si trovano online sui portali. Si tratta di una media che comprende case “base” e case di lusso, quindi il prezzo è indicativo. E bisogna anche sottolineare che il tasso di occupazione raccolto ultimi 12 mesi costruito come notti vendute/notti disponibili non tiene in realtà conto della stagione che sta partendo. «Nelle località stagionali di mare e montagna gli annunci di case da locare a breve termine sono aumentate online o offline perché già dallo scorso anno si è visto che molte persone preferivano andare in casa piuttosto che in hotel. Da segnalare – afferma Marco Celeni – presidente Aigab – anche un forte attrazione verso località secondarie. Anche se in diversi casi gli affittuari si focalizzano su periodi lunghi di oltre un mese per fare lavoro da remoto da luoghi di vacanza insieme alla famiglia». E questo non rientra negli affitti brevi che è corrispondono a pernotti con meno di 30 giorni. «Nei numeri la ripresa è ancora lenta, soprattutto perché per le località di vacanza la stagione sta iniziando proprio in questi giorni ed è difficile in corporare domanda e occupazione nei dati. Sicuramente – racconta ancora Celani – c’è stato un crollo dell’occupazione nel 2020, dovuto in primis al fatto che come spiegato in quell’anno si sono avute meno notti disponibili rispetto ai periodi precedenti. «Sono scese anche le tariffe – continua ancora – perché sono mancate le destinazioni city, storicamente le più care. Per il 2021 vediamo tariffe stabili, sottoposte alle stesse dinamiche». Ma da Aigab segnalano anche che si sta allungando il periodo di permanenza. Un soggiorno dura in media 19 notti, due anni fa 11 notti. «È presto per fare previsioni – dice Celani -. In questi giorni, per esempio, tutti stiamo registrando record di richieste, ma abbiamo anche picchi di cancellazioni. Dato che per via del Covid sono cambiate le politiche tariffarie dando la possibilità di cancellare la prenotazione anche a ridosso dell’arrivo adesso si arriva a disdette dal 30 al 50%». C’è, infatti, chi prenota più opzioni e poi in base alle date di vaccini e richiami cambia prenotazione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x