Ultimo aggiornamento alle 22:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il dibattito

«L’emergenza idrica non si risolve con l’odio sociale»

La Giunta comunale difende l’operato del sindaco Greco nella vicenda che sta suscitando un forte dibattito nel centro cosentino

Pubblicato il: 11/08/2021 – 20:16
«L’emergenza idrica non si risolve con l’odio sociale»

CARIATI (COSENZA) «Nonostante la stessa Sorical stia comunicando da settimane e senza alcun ombra di equivoco che rispetto alla gravità dell’emergenza idrica in corso, che ha cause storiche evidenti e responsabilità sulle quali stanno indagando le diverse procure interessate, non vi sia alcun bisogno di capri espiatori o di scaricare colpe sulle amministrazioni locali, sempre e soltanto a Cariati anche un oggettivo quanto antico problema di evidente portata regionale diventa l’occasione per alimentare vergognose campagne di disinformazione, di diffamazione e di odio sociale con il sindaco Filomena Greco e l’esecutivo cittadino». È quanto dichiara la Giunta Municipale di Cariati definendo «irresponsabile ed indegno il tentativo, che da qualche parte si vorrebbe portare avanti in queste ore sui media e sui social, di esacerbare ulteriormente la comprensibile rabbia della popolazione, indirizzandola in modo irresponsabile sugli amministratori locali e sulla macchina comunale nel suo complesso che, così come è stato ufficialmente spiegato e ribadito in tutte le circostanze dalla stessa società che gestisce il sistema idrico regionale, non aveva e non ha alcuna responsabilità di nessun tipo rispetto a quanto sta accadendo. Come comunicatoci, infatti, dai tecnici della stessa Sorical l’acqua in entrata nelle proprie condotte è pari a 65 litri al secondo rispetto a quanto viene normalmente erogato ai comuni interessati dall’emergenza idrica che è di 120 litri al secondo. Una oggettiva scarsa disponibilità della risorsa idrica che – così come viene ormai ripetuto ogni giorno – deriva dalla siccità e dai prelievi non autorizzati sui fiumi Lese e Cannavò. Nel condannare senza mezzi termini tutti i vari tentativi di istigazione all’odio e di procurato allarme che si stanno susseguendo e sui quali è stato già stati dato mandato di procedere a tutela dell’immagine e della dignità delle persone diffamate, la Giunta Municipale – conclude la nota – fa sapere che proprio per cercare di mitigare gli enormi disagi che si stanno verificando, al centro storico che più di altre zone cittadine sta vivendo le maggiori difficoltà si sta erogando più acqua del solito, il che sta determinando sofferenze anche alla Marina. Nell’assicurare il massimo ed incessante impegno per cercare di assicurare il ristabilimento del normale approvvigionamento idrico a tutta la popolazione, anche d’intesa con i tecnici Sorical e con tutti gli altri sindaci del territorio che stanno purtroppo subendo la stessa identica emergenza, lo stesso primo cittadino coglie, infine, l’occasione per esortare tutti a privilegiare anche e soprattutto in questi momenti un uso ridotto e corretto dell’acqua, evitando e segnalando sprechi ed abusi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb