Ultimo aggiornamento alle 21:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

le reazioni

Polizia locale aggredita a Corigliano Rossano, la condanna di politica e istituzioni

Dai gruppi consiliari di maggioranza a Civico Popolare e Corigliano-Rossano Pulita la vicinanza agli agenti aggrediti

Pubblicato il: 21/08/2021 – 19:05
Polizia locale aggredita a Corigliano Rossano, la condanna di politica e istituzioni

CORIGLIANO ROSSANO «L’unica scelta possibile è la legalità per chiudere con decenni di ambulantato selvaggio ed abusivo. E proprio nel tentativo di offrire maggiore decoro a quelle aree, che nella stagione estiva vedono aumentare la popolazione, si verificano gravi ed ingiustificate reazioni verso chi esercita l’attività di controllo». È quanto scrivono in una nota i gruppi consiliari di maggioranza di Corigliano Rossano, dopo l’aggressione subita da un agente dei vigili urbani. «Quanto verificatosi ieri sera sul lungomare di Schiavonea, dove il titolare d’una paninoteca ambulante s’è scagliato contro una pattuglia della polizia municipale, deve indurci a supportare con ogni mezzo una sistematica ed ininterrotta attività di monitoraggio commerciale. L’appropriazione di territorio pubblico è una triste e consolidata prassi a discapito del decoro urbano e di quelle attività commerciali regolari e ambulanti autorizzati verso i quali si esercita una concorrenza sleale». «Proprio qualche giorno fa – scrivono – era stata emanata dal Sindaco un’ordinanza diretta a disciplinare, all’interno del territorio comunale l’attività esercitata dai commercianti ambulanti su area pubblica nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, della circolazione stradale e a tutela di determinate aree. Le regole sono le radici della convivenza e renderle “effettive” è la vera sfida. A tutto il corpo della Polizia municipale, costantemente impegnato sul territorio, va il nostro più sentito ringraziamento e la nostra personale vicinanza».

«Noi stiamo con Piraino e con le forze dell’ordine, sempre»

Ai gruppi di maggioranza fanno eco 𝗚𝗶𝗻𝗼 𝗣𝗿𝗼𝗺𝗲𝗻𝘇𝗶𝗼, 𝗔𝗹𝗲𝘀𝘀𝗮𝗻𝗱𝗿𝗮 𝗖𝗮𝗽𝗮𝗹𝗯𝗼 e 𝗖𝗶𝘃𝗶𝗰𝗼 𝗲 𝗣𝗼𝗽𝗼𝗹𝗮𝗿𝗲: «Noi stiamo con Piraino e con le forze dell’ordine, sempre. Agenti di Polizia Locale che svolgono il proprio, infaticabile, ruolo. In contesti difficili, con costante impegno. Come 𝗣𝗶𝗿𝗮𝗶𝗻𝗼 𝗲 𝗖𝗵𝗶𝗹𝗲𝗹𝗹𝗶, a cui va la nostra incondizionata stima e vicinanza, dopo le scene assolutamente censurabili che li hanno, loro malgrado, visti protagonisti sul lungomare di Schiavonea. Sono per noi un alto esempio di identificazione nobile con la nuova Città. 𝗘 𝘀𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗼𝗿𝗴𝗼𝗴𝗹𝗶𝗼𝘀𝗶 𝗱𝗶 𝗹𝗼𝗿𝗼. Come di tutte le Forze dell’Ordine che lavorano a Corigliano-Rossano».

«Condanna all’abusivismo degli ambulanti»

A commentare la vicenda anche il movimento “Corigliano-Rossano Pulita”: «Ieri abbiamo assistito ad una barbarie che questa associazione non intende lasciar passare come evento bagatellare, è accaduto un fatto gravissimo in quanto un tutore della legge, l’agente della Polizia Locale Piraino, veniva aggredito nello svolgimento delle sue funzioni mentre cercava di liberare il lungomare di Schiavonea da quella muraglia di camion che occupano abusivamente degli spazi riservati ai parcheggi pubblici. Nel mentre gli agenti applicavano le regole venivano brutalmente aggrediti dalla furia di un balordo che causava rilevanti danni fisici all’agente Piraino. L’ambulante in questione, dopo aver ingiuriato, sputato ed aggredito l’ufficiale veniva ammanettato, tratto in arresto e portato via dai carabinieri giunti sul posto. Occorre precisare che il problema degli ambulanti abusivi esiste da decenni e il non aver affrontato fattivamente il problema ha causato queste odiose incrostazioni. Sappiamo come all’ombra delle illegalità proliferano solo ed esclusivamente altre illegalità, e ieri ne abbiamo avuto la prova tangibile, l’illegalità dell’occupazione abusiva del suolo pubblico ha generato l’ulteriore illegalità della violenza contro un uomo delle forze dell’ordine sul principio del “sono abusivo ma qui ci sono e ci resto tanto nessuno mi farà nulla”, ma la musica sta cambiando perché sono stati messi a bando degli spazi ad hoc per permettere agli ambulanti di venir fuori dalla condizione di illegalità dovuta all’occupazione abusiva del suolo pubblico ma, ad oggi, nessuno si è voluto spostare. Da qui il controllo della polizia locale, da qui l’episodio gravissimo di violenza. A scanso di equivoci noi siamo in favore dell’agente Piraino e di tutti coloro si prodigano e si prodigheranno in favore del ripristino della legalità, Corigliano – Rossano non sarà il ricettacolo della vendita ambulante abusiva e restiamo sempre a favore delle regole».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb