Ultimo aggiornamento alle 19:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la scoperta

Nuovi farmaci (e vaccini) anti Covid “made in Calabria”. «Bene i primi test»

Pubblicati sulla rivista “Viruses” i risultati di un team di virologi che vede tra i protagonisti l’Università di Catanzaro. Una piattaforma tecnologica per “attaccare” il Coronavirus

Pubblicato il: 23/08/2021 – 18:50
Nuovi farmaci (e vaccini) anti Covid “made in Calabria”. «Bene i primi test»

MILANO Nuovi farmaci capaci di sbarrare la porta al virus Sars-CoV-2 e vaccini a basso costo contro le varianti da somministrare per via sublinguale: sono alcune delle nuove “armi” contro Covid-19 che stanno prendendo forma grazie a una nuova piattaforma tecnologica messa a punto in Italia da un team virologi, genetisti, bioinformatici e farmacologi allo scopo di produrre piccoli frammenti di proteine (chiamati “peptidi”) che agiscono come proiettili ad alta precisione. Il risultato è pubblicato sulla rivista Viruses dall’Università di Roma Tor Vergata, l’Università di Catanzaro, l’IFO e il CNR di Roma, in collaborazione con l’Università di Toronto in Canada e il Renown Health negli Stati Uniti. Lo studio, sostenuto da Fondazione Roma e dal Ministero di Università e Ricerca, è cominciato nella primavera del 2020, quando lo scoppio della pandemia ha evidenziato l’urgenza di accelerare la ricerca per nuovi farmaci e vaccini.
Nel giro di pochi mesi, «grazie a questa nuova piattaforma siamo riusciti a identificare una serie di peptidi in grado di inibire l’ingresso del virus SarsCoV2 nelle cellule umane attraverso il recettore DPP4: i primi test in vitro sulle cellule ci hanno confermato che potrebbero essere usati come farmaci anti-Covid, i primi di natura peptidica», spiega all’Ansa Giuseppe Novelli, genetista dell’Università di Roma Tor-Vergata. «Inoltre abbiamo individuato alcune regioni della proteina virale Spike che non mutano facilmente e che possono essere alla base di una nuova generazione di vaccini: inoculate nei topi, sotto forma di piccoli peptidi, hanno stimolato la produzione di anticorpi con titoli elevati e ottima capacità neutralizzante contro le attuali e le eventuali future varianti del virus».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x