Ultimo aggiornamento alle 21:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

dal nazionale

Lamorgese: «C’è il rischio che le proteste no-vax attirino frange estremiste e violente»

Il ministro dell’Interno al Corriere della Sera: «Intensificati i controlli sul web». E su Salvini: «Non mi sottrarrò ad eventuali confronti». Sulle procedure di accoglienza pesano i controlli Covid

Pubblicato il: 12/09/2021 – 9:02
Lamorgese: «C’è il rischio che le proteste no-vax attirino frange estremiste e violente»

MILANO Rischi per l’ordine pubblico che crescono in linea proporzionale rispetto alle proteste dei no-vax e dei no-Pass nelle piazze italiane. Questo è l’allarme lanciato dalla ministra degli Interni, Luciana Lamorgese, in un’intervista pubblicata questo 12 settembre dal Corriere della Sera.
Di fatti, secondo la responsabile del Viminale quella dei no-vax è una piazza «composita e variegata» che potrebbe contenere e attrarre anche «frange estremiste» con l’annesso rischio di «degenerazioni violente».
Per scongiurare questo rischio, dice Lamorgese «è stata intensificata l’attività di prevenzione anche grazie al costante monitoraggio del web, come dimostra la recente operazione della Polizia di Stato coordinata dalla Procura di Milano». La prospettiva caldeggiata da governo è quella di estendere l’obbligo di green pass e proprio questo potrebbe favorire il malcontento tra le frange riluttanti della popolazione.

Gli altri scenari

Luciana Lamorgese

«Gli scenari da monitorare – aggiunge il ministro – riguardano non solo le tensioni sociali e l’ordine pubblico, ma anche l’immigrazione, le minacce del terrorismo, la criminalità organizzata, gli appetiti delle mafie sulle ingenti risorse pubbliche destinate alla ripresa economica, gli attacchi violenti veicolati dalla Rete». Per farlo c’è però necessità di un governo coeso, circostanza che pare essere minata dagli atteggiamenti di Salvini e della Lega. Secondo Lamorgese «occorrerebbe più coesione». «Quando gli attacchi partono da chi sostiene il governo – aggiunge – diventando martellanti e personali, finiscono per danneggiare l’immagine dell’amministrazione e dell’intero esecutivo, in un momento molto delicato per il Paese nel quale occorrerebbe più coesione». Anche per questo si dice disponibile a un incontro con Salvini che non perde occasione per criticarne l’operato al Viminale. «Non mi sottrarrò certo al confronto, anzi ascolterò con interesse le eventuali proposte che il senatore Salvini saprà indicare su un tema molto complesso qual è l’immigrazione».

«Il Covid rende più complesse le procedure di accoglienza»

E proprio sull’immigrazione, Lamorgese risponde alle critiche: «Dobbiamo essere consapevoli che l’immigrazione è un fenomeno strutturale e non congiunturale, che ci accompagnerà a lungo. E la crisi pandemica ha acuito una depressione socio-economica nelle aree tradizionali di origine e transito dei flussi, favorendo ancor più la spinta migratoria. Un altro fattore che ha inciso negativamente è quello delle gravi crisi istituzionali, sociali ed economiche che hanno colpito Libia e Tunisia e che hanno evidenziato come non si possa prescindere da un’azione forte della comunità internazionale per la stabilizzazione duratura dei due Paesi». Tuttavia, per quanto distanti possano apparire le vedute rispetto al capo del Carroccio, sul tema migratorio permane la linea che porta il governo a bloccare le navi a largo delle coste italiane. Una circostanza che secondo Lamorgese è incentivata dai controlli Covid, che «hanno reso più complesse le procedure di accoglienza».
«Soprattutto – aggiunge – quelle che riguardano l’allestimento delle strutture di isolamento sanitario, tanto che abbiamo dovuto ricorrere alle navi traghetto per lo svolgimento della quarantena. Siamo stati costretti a individuare soluzioni articolate per evitare l’impatto sulle comunità locali e organizzare il necessario screening sanitario di tutti i migranti al momento dello sbarco».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb