Ultimo aggiornamento alle 13:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Femminicidio a Fagnano, Servidio non risponde al Pm. Oggi l’autopsia sul corpo di Lattari

Il marito, in arresto, sceglie il silenzio dopo aver ucciso la moglie. E spunta un episodio di violenza – non denunciato – nel marzo del 2021

Pubblicato il: 14/09/2021 – 10:39
di Fabio Benincasa
Femminicidio a Fagnano, Servidio non risponde al Pm. Oggi l’autopsia sul corpo di Lattari

COSENZA Folle di gelosia e già in passato protagonista di violenze nei confronti della moglie. Giuseppe Servidio, 52 anni, è stato interrogato tutta la notte nella caserma dei carabinieri di San Marco Argentano dai militari del nucleo operativo di Cosenza e dal Pm Domenico Frascino che indagano sul femminicidio consumatosi ieri a Fagnano Castello e costato la vita a Sonia Lattari di 43 anni. Il marito – posto in stato di arresto in flagranza di reato e trasferito in carcere – non ha inteso rispondere alle domande del Pubblico ministero trincerandosi dietro un silenzio che stride con quanto accaduto nell’abitazione della coppia nel centro storico di Fagnano. Una scena del crimine cruda: il sangue sparso a terra, la donna ritrovata priva di vita in cucina con il corpo raggiunto da numerose coltellate. Nella giornata di oggi sarà effettuata l’autopsia che chiarirà ulteriormente quanto accaduto. Sonia Lattari ha tentato strenuamente, ma purtroppo senza successo, di difendersi dai colpi mortali inferti dal marito.

L’aggressione nel mese di Marzo

I vicini della coppia confessano, a telecamere spente, di aver udito più volte i due litigare ad alta voce. Ma c’è un episodio grave che probabilmente segna uno spartiacque nel tragico epilogo e riporta al mese di marzo del 2021 quando Giuseppe Servidio avrebbe usato violenza nei confronti della moglie, raggiunta da alcuni schiaffi. La donna scelse di non denunciare quanto accaduto alle forze dell’ordine nonostante le sollecitazioni ad affidarsi alle forze dell’ordine o a centri antiviolenza in grado di sostenerla in un momento evidentemente delicato. La Procura di Cosenza continuerà a coordinare le indagini per ricostruire quanto accaduto nella casa della coppia, dove non erano presenti i due figli.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb