Ultimo aggiornamento alle 16:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’evento

“Il Buco” di Frammartino arriva in Calabria dopo il successo alla Mostra di Venezia

Il regista presenterà il suo ultimo film il 30 settembre a Cosenza e il primo di ottobre a Locri e Reggio Calabria

Pubblicato il: 24/09/2021 – 11:46
“Il Buco” di Frammartino arriva in Calabria dopo il successo alla Mostra di Venezia

COSENZA Il film “Il buco” di Michelangelo Frammartino arriva in Calabria dopo la straordinaria vittoria al festival di Venezia dove ha conquistato il Premio speciale della Giuria. Il regista presenzierà a tutte le proiezioni previste in Calabria, si comincia il 30 settembre alle 20 al cinema Citrigno di Cosenza, l’1 ottobre alle 18:30 a Locri al cinema Vittoria e poi alle 21 a Reggio Calabria al Multisala Lumiere. Dopo la visione della pellicola ci terrà un incontro col regista dove interverranno: il produttore di Doppio Nodo Marco Serrecchia; il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra e i sindaci dei comuni interessati, San Lorenzo Bellizzi, Cerchiara e Terranova. Ad annunciare questo evento è il presidente dell’Anec Calabria (Associazione Nazionale Esercenti Cinema), Giuseppe Citrigno. «Michelangelo Frammartino e il suo film rappresentano per la Calabria un vero e proprio fiore all’occhiello e – continua Citrigno – uno dei registi più talentuosi del panorama nazionale, attenzionato dalla critica internazionale. Il Buco è un’opera emozionale che immerge lo spettatore nei valori più autentici della Calabria. Il Premio Speciale della Giuria al Festival di Venezia conferma l’alto valore artistico della pellicola definita dal direttore artistico della Mostra, Alberto Barbera, un diamante puro».

Il film girato nell’Abisso del Bifurto sul Pollino

«Il buco nasce dall’incontro con il territorio di San Lorenzo Bellizzi e in particolare con lo speleologo calabrese Nino Larocca, che conosce profondamente l’Abisso del Bifurto – afferma il regista Michelangelo Frammartino – abbiamo sfidato il buio, l’isolamento, il vuoto per raccontare l’impresa di dodici speleologi che, nel 1961, decisero di scendere in Calabria ed esplorare altre profondità». La fotografia del film è firmata dal grande Renato Berta, che ha lavorato con maestri della cinematografia come Godard, Resnais, Rohmer, Rivette, Malle, Téchiné, Huillet-Straub, De Oliveira, Gitai. L’Abisso del Bifurto, i piani del Pollino, San Lorenzo Bellizzi, le fiumare di Civita e Cerchiara sono le location dell’ultima fatica cinematografica di Michelangelo Frammartino (dopo “Il Dono”, presentato al Locarno Film Festival,  e “Le quattro volte”, premiato alla Quinzaine a Cannes). “Il buco” è una produzione Doppio Nodo Double Bind con Rai Cinema, in coproduzione con Société Parisienne de Production (Francia), Essential Filmproduktion (Germania), con il sostegno della Calabria Film Commission bando produzione del 2019, del Mibact, del CNC, Artè/ZDF, Eurimages e con la collaborazione e il Patrocinio del Parco Nazionale del Pollino.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb