Ultimo aggiornamento alle 21:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’ordinanza

Reggio, il Tar sospende il bando rifiuti: da novembre il servizio rischia di rimanere scoperto

Il giudice accoglie il ricorso cautelare della società non aggiudicataria. Falcomatà: «Periodo di sofferenza continuerà»

Pubblicato il: 08/10/2021 – 13:11
di Francesco Donnici
Reggio, il Tar sospende il bando rifiuti: da novembre il servizio rischia di rimanere scoperto

REGGIO CALABRIA «Non è una giornata positiva per la nostra città». All’esito del ricorso proposto dall’azienda “Ecologia Oggi”, sul “bando per la gestione del servizio di raccolta rifiuti” del Comune di Reggio Calabria (di cui non era risultata aggiudicataria) il Tar ha emesso un’ordinanza attraverso cui sospende l’aggiudicazione della gara alla “Teknoservice Srl” fino all’udienza fissata nel merito per giorno 15 dicembre 2021.
«Il problema – dice in diretta facebook il sindaco Falcomatà – è che l’ultima ordinanza di proroga del servizio alla “Avr” scade il 31 ottobre. Rischiamo di trovarci in questi mesi senza nessuno che gestisca il servizio rifiuti. Un dramma che vogliamo attivare in tutti i modi».
L’amministrazione comunale annuncia l’impugnazione dell’ordinanza previo ricorso cautelare al Consiglio di Stato così da «avere una pronuncia prima della data del 15 dicembre»,
«Noi non vogliamo camminare da soli – dice Falcomatà – ma proseguire quel percorso condiviso con la prefettura e con gli amministratori giudiziari di Avr. Ci incontreremo per capire come affrontare i giorni o i mesi successivi al 31 ottobre, se si potrà proseguire con una proroga del servizio ad Avr o trovare alternative sostenibili».

Bloccato il nuovo bando. «Periodo di sofferenza continuerà»

A fine agosto scorso il Comune aveva annunciato l’aggiudicazione provvisoria del bando alla “Teknoservice srl” attraverso un nuovo bando che prevedeva «alcune novità volte a correggere gli errori del passato e migliorare il servizio». Tra queste novità «la rientroduzione della raccolta stradale nei quartieri in cui il porta a porta ha presentato maggiori problemi; l’introduzione dei cassonetti/cestelli condominiali;  l’istituzione di mini isole ecologiche nei quartieri con conferimento di frazioni differenziate e premialità, compreso il compostaggio di prossimità; in alcuni quartieri come Arghillà, Marconi e Ciccarello, poi, nella fase di start-up saranno effettuate raccolte nei cassoni grandi, differenziando nei giorni stabiliti con presidio fisso; l’istituzione della seconda isola ecologica, prevedendo anche in questo caso premialità al momento del conferimento; la messa in esercizio del centro di riciclo e  riuso a Reggio Campi». Un nuovo percorso che, giocoforza, incontra ora una battuta d’arresto: «Questa sospensione fino a dicembre – dice il sindaco – rallenta quel percorso che già attraverso il nuovo bando avevamo intrapreso».
«La città sta vivendo da tempo un momento di sofferenza sul piano della raccolta dei rifiuti, ma vedevamo la luce fuori dal tunnel perché la gara era stata conclusa. Questo periodo di sofferenza, sappiate, continuerà». E conclude: «Sta a noi decidere come affrontarlo: se soffiare sul fuoco della polemica, se appesantire una situazione già di per sé di sofferenza con comportamenti che non sono da cittadini innamorati di Reggio oppure affrontarlo col piglio di persone che vogliono evitare ulteriori problematiche, senza strumentalizzare la situazione accusando l’uno e l’altro o chicchessia». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb