Ultimo aggiornamento alle 23:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il convegno

«Le mafie guardano ai fondi europei del Pnrr. Ma eviteremo le infiltrazioni»

Il direttore della Dia a Reggio Calabria: «Abbiamo un vantaggio tattico. Grazie alle iniziative del governo possiamo prevenire i tentativi»

Pubblicato il: 27/01/2022 – 15:03
«Le mafie guardano ai fondi europei del Pnrr. Ma eviteremo le infiltrazioni»

REGGIO CALABRIA «Le mafie stanno guardando ai fondi del Pnrr. Ma non solo a livello nazionale, anche a livello europeo». Lo ha detto il direttore della Dia Maurizio Vallone a margine del convegno “Istruzione per l’affermazione della legalità” organizzato a Reggio Calabria nell’aula magna dell’università Mediterranea in occasione del trentennale della nascita della Direzione investigativa antimafia.
Per Vallone «non soltanto le mafie italiane stanno guardando a questi finanziamenti, ma anche le mafie degli altri Paesi europei. In Italia però abbiamo la fortuna di avere una legislazione di prevenzione estremamente avanzata. Abbiamo un grande vantaggio tattico. Dobbiamo trasformarlo in un vantaggio strategico».
«Grazie alle iniziative che il governo ha intrapreso – ha sottolineato il direttore della Dia – saremo in grado di prevenire qualsiasi tentativo di infiltrazione in questi appalti del Pnrr ed impedire che anche un solo euro dei soldi europei possa arrivare alle organizzazioni criminali. Le mafie guardano sempre ai fondi per acquisire maggiore potere. In questo momento stanno arrivando tanti soldi quindi l’appetito delle mafie è sicuramente maggiore. Ma è molto più forte la nostra capacità di prevenire questi appetiti e di reprimerli».
In merito al tema del convegno, Vallone ha spiegato che «non può esistere legalità senza istruzione. Se i giovani non vengono educati sin dalla più tenera età al rispetto delle regole, delle istituzioni e al rispetto reciproco non ci può essere una società degna di questo nome. Se noi riusciamo a sottrarre all’ideologia mafiosa le giovani generazioni, la mafia si dissolverà nell’arco di una generazione. Dobbiamo puntare sui giovani per far sì che quello che non siamo riusciti a fare noi con gli adulti possa essere fatto nel prossimo futuro. L’istruzione alla legalità ci consentirà di dare una nuova vita a questa terra e consentirà ai giovani di oggi di non dovere emigrare».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x