Ultimo aggiornamento alle 23:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

tensioni

Catanzaro, episodi di guerriglia in carcere: rissa tra una ventina di detenuti

La denuncia della Uilpa: «Aggressioni alimentate, sembra, da sentimenti xenofobi». Il Sinappe: «Auspichiamo l’intervento del Dap»

Pubblicato il: 06/02/2022 – 19:18
Catanzaro, episodi di guerriglia in carcere: rissa tra una ventina di detenuti

ROMA «Fortissime tensioni nella tarda mattinata odierna presso la Casa circondariale di Catanzaro, dove una ventina di detenuti di due diverse sezioni si sono affrontati, sembra animati anche da sentimenti xenofobi, per poi rivoltarsi pure contro gli operatori di Polizia penitenziaria intervenuti, fino a tentare di sottrarre le chiavi dei cancelli a uno di loro. Promotore della sommossa pare essere stato un ristretto che si potrebbe ormai definire “aggressore seriale”, dato che non è affatto nuovo ad azioni simili, perpetrate in varie carceri del Paese e ripetutamente anche a Catanzaro, dov’è ritornato nonostante fosse da lì stato trasferito proprio per ragioni di ordine e sicurezza. Lo stesso recluso ieri sera, come in altre circostanze, aveva aggredito violentemente due appartenenti alla Polizia penitenziaria. Da ciò che si apprende, solo nel tardo pomeriggio, grazie alla Polizia penitenziaria intervenuta con rinforzi garantiti da operatori liberi dal servizio e appositamente richiamati, i disordini sono rientrati. La straordinaria professionalità degli appartenenti al Corpo non avrebbe reso necessario l’uso della forza».
Lo riferisce Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria, il quale prosegue: «Ormai nelle carceri si assiste a veri e propri episodi di guerriglia. Quello di Catanzaro, peraltro, è il maggiore penitenziario calabrese, con circa 640 detenuti presenti e solo 344 operatori di Polizia penitenziaria assegnati (di cui molti solo sulla carta), laddove ne servirebbero almeno il doppio. Se a ciò si aggiunge una gestione complessiva sia dei circuiti detentivi sia dei sistemi organizzativi, condotta dal Provveditorato regionale, che lascia molto a desiderare, è inevitabile che i livelli di sicurezza siano insufficienti e si presti il fianco a ogni tentativo di destabilizzazione dell’ordine e del regolare svolgimento della vita penitenziaria. A pagarne le spese, per di più, oltre agli operatori, sono i detenuti più deboli e meno facoltosi, che rischiano di venire sopraffatti».
«Problematiche, queste, – continua De Fazio – più volte denunciate anche dal segretario regionale della Uilpa PP Calabria, Salvatore Paradiso, senza che ciò abbia prodotto particolari risultati né destato l’attenzione tangibile del competente Provveditorato».
«Appare pertanto il caso – conclude –, di richiamare l’attenzione dei Vertici del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria affinché esaminino con attenzione quanto sta avvenendo in Calabria e a Catanzaro e prendano in seria considerazione l’opportunità d’intervenire direttamente non solo per rafforzare gli organici, ma anche e non per ultimo per imprimere una necessaria svolta nella gestione regionale».

Sinappe: «Auspichiamo l’intervento del Dap»

«L’ennesimo episodio che ha messo a dura prova la professionalità e la competenza del personale di polizia penitenziaria che opera in situzioni di estrema difficoltà dovuta alla sempre maggiore carenza di organico e alla presenza di detenuti psichiatrici che risiedono all’interno di sezioni detentive comuni, problematiche che si vanno ad aggiungere al sovraffollamento e, aimè, ai focolai covid che si sono creati all’interno del penitenziario del capoluogo Calabrese». Lo riferisce Roberto Magro, segretario Regionale del Sinappe. «La condizione si è via via inasprita e ben presto si è reso necessario richiamare in servizio il personale del corpo di Polizia Penitenziaria per cercare di circoscrivere i danneggiamenti all’interno del penitenziario e limitare le aggressioni al personale già in servizio che ha dovuto fare ricorso alle cure del pronto soccorso cittadino per le lesioni subite. All’esterno del carcere è stato indispensabile il pattugliamento dagli uomini della
Guardia di Finanza, della Polizia di Stato e dei Carabinieri», prosegue la nota del sindacato.
Il Sinappe, «attese le gravi circostanze che si stanno susseguendo, auspica da parte del Dap un intervento determinante atto a ripristinare la situazione del Penitenziario catanzarese al fine di restituire dignità al personale che incessantemente e instancabilmente vi opera. Il Sinappe vuole esprimere solidarietà ed apprezzamento ai colleghi che, non curanti del pericolo, hanno sedato la colluttazione ristabilendo l’ordine con la professionalità che li contraddistingue. I migliori auguri di una pronta guarigione ai colleghi».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x