Ultimo aggiornamento alle 16:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la denuncia

Bilanci Asp di Cosenza, Sapia: «Verificare eventuali condizionamenti da massoneria e politica»

Sapia (L’Alternativa): «Nessun cambiamento significativo si è registrato nel tempo, visto che le leve reali di comando restano in vecchie mani»

Pubblicato il: 10/02/2022 – 9:51
Bilanci Asp di Cosenza, Sapia: «Verificare eventuali condizionamenti da massoneria e politica»

COSENZA «È urgente verificare se massoni e legami politici negli uffici abbiano condizionato o possano pregiudicare l’imparzialità amministrativa nell’Asp di Cosenza, che secondo gli inquirenti avrebbe ben tre bilanci falsi e in cui permangono, nonostante ordini contrari, diversi incarichi di responsabilità assegnati in maniera illegittima, oltre a silenzi, omissioni ed abusi di estrema gravità». Lo afferma, in una nota, il deputato di Alternativa Francesco Sapia, che con un’interrogazione parlamentare ha chiesto «se il ministro dell’Interno non intenda promuovere l’accesso agli atti presso l’Asp di Cosenza». «Questa azienda sanitaria – spiega il deputato, che alla Camera siede in commissione Sanità – si distingue, in Italia, per taluni, risaputi comportamenti amministrativi disinvolti, spregiudicati e spavaldi, tanto da ricordare la metafora cinematografica del muro di gomma. Nessun cambiamento significativo si è registrato nel tempo, visto che le leve reali di comando restano in vecchie mani. Ne pagano le spese i dipendenti che non hanno poteri alle loro spalle e che lottano per i propri diritti subendo soprusi, dai contorni del mobbing, che ne mortificano professionalità e dignità». «È quindi indispensabile – continua il deputato di Alternativa – che si vada a fondo nello scardinare il cosiddetto Sistema Cosenza dell’Asp, la quale riceve oltre un miliardo all’anno dalla Regione Calabria ed ha rendicontazioni sballate e servizi disastrati, manca di trasparenza sui turni di lavoro, premia furbetti del cartellino e chiude gli occhi davanti a conflitti interni che rischiano di compromettere la sicurezza delle cure». «Finora – conclude Sapia – i ministri vigilanti si sono voltati dall’altra parte rispetto a questioni serissime che ho segnalato negli anni: primariati non autorizzati, anomala conservazione dei tamponi, proroghe allegre di contratti scaduti, sforamenti di bilancio, incompatibilità, parenti che lavorano insieme, ruoli svolti senza requisiti e procedure selettive pubbliche, carenze da Terzo mondo e gestioni incontrollate di presìdi salvavita. Questo squallore deve finire, non è più tollerabile».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x