Ultimo aggiornamento alle 12:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il provvedimento

Laghi di Sibari, «gli impianti di cozze saranno ridimensionati perché irregolari»

Il sindaco Papasso: «In seguito ai rilievi della polizia locale è stata emessa l’ordinanza di rimozione del superfluo»

Pubblicato il: 24/03/2022 – 10:08
Laghi di Sibari, «gli impianti di cozze saranno ridimensionati perché irregolari»

CASSANO «Dai controlli disposti dalla Polizia Locale, guidata dall’architetto Anna Maria Aiello, è emerso che l’area dei Laghi di Sibari attualmente destinata e utilizzata per la coltivazione in acqua di cozze è di diverse miglia di metri quadri più grande rispetto alla dimensione prevista che doveva essere di 2mila metri quadrati. Le verifiche di Polizia Locale e uffici comunali – si legge in una nota dell’amministrazione di Cassano – hanno messo in luce l’irregolarità. Una discrepanza che ora dovrà essere sanata sia dalla società “Fago ittica tarantino”, società che detiene la concessione di un impianto di allevamento di molluschi bivalvi nel complesso nautico sibarita, sia dalla “Casa Bianca Group”, società che, invece, detiene i diritti di gestione degli specchi d’acqua su cui poggiano case e darsene dei Laghi di Sibari. La discrasia è emersa chiaramente confrontando i dati della scia e le controdeduzioni presentate dalla cooperativa “Fago ittica tarantino” rispetto quelli emersi dai rilievi ortottici e dai controlli effettuati nel corso di un sopralluogo di inizio febbraio effettuato dal personale congiunto sia dell’ufficio dell’area “Urbanistica – Edilizia Privata” e sia dagli istruttori della Polizia Locale del Comune cassanese. “Rilevata l’irregolarità – ha spiegato il sindaco Gianni Papasso – sia il responsabile del procedimento che il responsabile dell’Urbanistica hanno emesso l’ordinanza di rimozione del superfluo”. Il sindaco già in una precedente riunione con imprenditori, associati, pescatori, residenti e associazioni operanti nei Laghi aveva anticipato a chiare lettere come dai controlli agli impianti di coltivazione di cozze negli specchi d’acqua antistanti alle darsene erano venute fuori delle situazioni incresciose, veri e propri abusi sui quali sarebbero continuati gli accertamenti che oggi sono arrivati a conclusione e i quali dovranno essere sanati sia per il ripristino del decoro pubblico sia della stessa legalità. L’ordinanza – conclude la nota – è stata notificata anche alle forze dell’ordine presenti sul territorio affinché operino per quanto di loro competenza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x