Ultimo aggiornamento alle 15:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

Il caso

Corigliano Rossano, per i lavori in via Mazzei il gruppo Lapietra querela il comune

Pomo della discordia, la realizzazione di marciapiedi su una delle arterie più frequentate Gli amministratori: «Adiremo alle vie legali»

Pubblicato il: 03/04/2022 – 15:15
di Luca Latella
Corigliano Rossano, per i lavori in via Mazzei il gruppo Lapietra querela il comune

CORIGLIANO ROSSANO «Alcune decine di minuti» di lavori lungo una delle vie più trafficate della città, finiranno in contenzioso. Il gruppo Lapietra «ha dato mandato ai propri legali di procedere per il grave reato di diffamazione ai danni dell’azienda commesso dal Comune di Corigliano Rossano, oltre alla richiesta di risarcimento dei danni per l’incommensurabile danno d’immagine subito, per il quale si attende, tra l’altro, immediata nota di scuse da parte dell’Amministrazione Comunale».
Pomo della discordia, i lavori per la realizzazione di marciapiedi lungo via Nestore Mazzei, che serve alcuni grandi istituti scolastici di secondo grado come i Liceo Scientifico e l’Istituto tecnico Industriale, frequentati da migliaia di studenti, ed il “palazzo di vetro”, la sede degli uffici dell’Azienda sanitaria provinciale.
Ieri pomeriggio, a causa dei lavori, la ditta che se ne sta occupando, è stata costretta a ridimensionare il traffico per consentire il movimento della “benda” dell’escavatore.

Il comune: «Adiremo alle vie legali»

Immediato l’attacco del comune di Corigliano Rossano, secondo cui «privati» avrebbero «arbitrariamente e ingiustificatamente» – è la versione del Palazzo di Città – «per alcune decine di minuti» chiuso al traffico l’arteria, che saranno «oggetto di formale querela all’attenzione delle Autorità competenti».
«Nel corso della giornata odierna (ieri, ndr), per alcune decine di minuti i cittadini hanno registrato la chiusura totale al traffico di via Nestore Mazzei – come riferito nella nota dell’Amministrazione comunale – con l’apposizione di cartelli che indicavano una proprietà privata. La viabilità era stata modificata temporaneamente alcuni giorni fa per consentire i lavori di realizzazione delle opere di urbanizzazione, ovvero era stato stabilito un solo senso di marcia in direzione del Centro Storico di Rossano».

Lapietra: «Lettura totalmente distorta dei fatti, ci sentiamo diffamati»

La nota della casa comunale, però, ha scatenato la reazione del gruppo Lapietra che risponde comunicando di aver «dato mandato ai propri legali di procedere per il grave reato di diffamazione ai danni dell’azienda commesso dal Comune di Corigliano Rossano, oltre alla richiesta di risarcimento dei danni per l’incommensurabile danno d’immagine subito per il quale si attende, tra l’altro, immediata nota di scuse da parte dell’Amministrazione Comunale». È quanto ha fatto sapere l’amministratore della società che sta realizzando le opere di urbanizzazione su via Mazzei, Vincenzo Lapietra, facendo chiarezza sulla controversia «immotivata e priva di qualsiasi fondamento giuridico innescata dal Comune di Corigliano Rossano a seguito di una paventata e mai avvenuta chiusura al traffico sulla predetta via lo scorso venerdì 1 Aprile 2022».
«Quanto riferito dal Municipio in merito alla vicenda – chiarisce Lapietra – è assolutamente non veritiero e fuorviante, nonché diffamatorio della società che rappresento. Credo opportuno, allora, ristabilire la verità dei fatti. La società che amministro sta realizzando le opere di urbanizzazione, previste dal programma Contratti di Quartiere, oggetto di convenzione con il Comune, all’interno dell’area di esclusiva proprietà della società, per le quali risulta regolare progetto approvato. Nello specifico per l’esecuzione dei lavori di realizzazione dei marciapiedi, nel rispetto delle norme sulla sicurezza a tutela della pubblica incolumità, l’amministrazione comunale ha inteso istituire, attraverso specifiche ordinanze dirigenziali, divieto di fermata e sosta lungo Via Mazzei (dall’incrocio con l’ingresso del supermercato Dok e fino all’innesto con la Strada provinciale 250 per il centro storico) su ambo i lati per tutta la durata dei lavori. Successivamente, su specifica segnalazione richiesta da parte della società che amministro – spiega Vincenzo Lapietra – per il tramite del direttore dei lavori, veniva emessa dall’Amministrazione comunale, un’ulteriore ordinanza dirigenziale con la quale si disponeva il senso unico di marcia dallo scalo cittadino verso il centro storico».
«Nella giornata di venerdì 1 aprile scorso – sottolinea l’amministratore del gruppo Lapietra – in concomitanza con l’orario di uscita, le scolaresche si erano riversate proprio sul tratto di strada interessato dalle attività di cantiere. Il direttore dei lavori segnalava immediatamente verbalmente alla Polizia municipale una situazione di grave e imminente pericolo poiché vi erano auto in sosta nell’area sottoposta a ordinanza di divieto e del transito di auto a doppio senso nel tratto dove non era consentito. Tutto questo nel mentre studenti stavano percorrendo la via Mazzei, invadendo la sede stradale, e con i mezzi pesanti della società amministrata già intenti da prima a scaricare materiale edile di pertinenza ai lavori. Il tutto veniva documentato dal direttore dei lavori con dossier fotografico. In considerazione della grave situazione di pericolo venuta a crearsi, principalmente per la presenza di studenti che rischiavano di essere investiti nel caos che si era palesato il direttore dei lavori ha chiesto, quindi, agli operai di mettere in sicurezza l’area interessata dalla presenza dei mezzi pesanti della società al fine di consentire lo scarico in totale sicurezza e senza pericolo per la pubblica incolumità».

«Incommensurabile danno d’immagine»

«Stupisce, pertanto, quanto riportato dalla nota stampa comunale nella quale si fa esplicito riferimento a – Lapietra cita testualmente – una “chiusura al traffico …frutto di una scelta arbitraria ed ingiustificata ad opera dei privati”. È stata semplicemente messa in sicurezza l’area di cantiere che è di esclusiva proprietà privata del Gruppo Lapietra. E questo è stato fatto al fine di tutelare la pubblica incolumità, in quanto per come documentato fotograficamente, in quel momento venivano violate le ordinanze dirigenziali che proprio a tal fine sono state emesse. Questa la verità, documentata. Pertanto, alla luce di quanto avvenuto – conclude Vincenzo Lapietra – ho dato mandato ai legali di procedere per il grave reato di diffamazione ai danni dell’azienda commesso dal Comune di Corigliano Rossano, oltre alla richiesta di risarcimento dei danni per l’incommensurabile danno d’immagine subito per il quale si attende, tra l’altro, immediata nota di scuse da parte dell’Amministrazione Comunale». (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x