Ultimo aggiornamento alle 7:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

Neonatologia, «Personale e innovazione tecnologica per migliorare il reparto»

Scarpelli: «Bisogna investire per dare risposte costanti ai pazienti e pareggiare l’offerta sanitaria delle altre grandi realtà»

Pubblicato il: 18/04/2022 – 9:25
di Fabio Benincasa
Neonatologia, «Personale e innovazione tecnologica per migliorare il reparto»

COSENZA «Sono necessari continui sforzi ed investimenti in nuove tecnologie, è un campo in continua evoluzione e bisogna stare al passo con le innovazioni per dare risposte costanti ai pazienti e per pareggiare l’offerta sanitaria delle altre grandi realtà». Lo dice – al Corriere della Calabria – il dottore Gianfranco Scarpelli, direttore primario del reparto di Neonatologia all’Ospedale Annunziata di Cosenza. Negli scorsi giorni, il reparto si è dotato di dieci nuove termoculle. «Un acquisto tanto atteso quanto necessario».

Aumenta la dotazione tecnologica

L’usura del tempo e le caratteristiche obsolete delle incubatrici in dotazione alla Unità operativa complessa «acquistate nel 2000/2001» avevano costretto i sanitari ad utilizzare solo sei termoculle. Con tutti i disagi del caso. «Oggi – continua Scarpelli – riusciamo ad adeguarci anche in termini di assistenza ventilatoria.

Dott. Gianfranco Scarpelli

I neonati hanno necessità di monitoraggi continui e le macchina andrebbero cambiate ogni cinque anni». Ad ostacolare il lavoro intrapreso dal dottore Scarpelli e dei medici e sanitari del reparto di neonatologia è stato il Piano di Rientro «ed alcune disposizioni emanate in passato dalla struttura commissariale che hanno bloccato e impedito qualsiasi investimento in innovazione tecnologica». «Il personale è il problema più importante dell’azienda – aggiunge Scarpelli – e si sta risolvendo con notevole difficoltà. Il commissario dell’Azienda ospedaliera di Cosenza Isabella Mastrobuono si sta occupando di alcuni nodi e speriamo nelle prossime settimane di riuscire a trovare una soluzione definitiva.
La situazione è emergenziale».

Le Termoculle

Le incubatrici di ultima generazione aiutano «i bambini con problemi respiratori e sottoposti a procedure complesse, neonati con un peso inferiore a 700-800 kg», dice Scarpelli. Che aggiunge: «I piccoli devono avere temperatura e umidità adeguata e grazie alle termoculle riusciamo a monitorare tutti i parametri e addirittura controllare il peso del neonato».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x