Ultimo aggiornamento alle 22:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il piano

Regione, una “commissione di studio” per le aziende confiscate alla ‘ndrangheta

A presiederla sarà il procuratore generale di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni. Tra gli obiettivi garantire la «continuità aziendale»

Pubblicato il: 29/04/2022 – 20:26
Regione, una “commissione di studio” per le aziende confiscate alla ‘ndrangheta

REGGIO CALABRIA Una commissione di studio per poter «individuare modelli di intervento pubblico a sostegno della continuità aziendale e dei livelli occupazionali delle aziende sottoposte ad amministrazione giudiziaria». Lo prevede la deliberazione numero 153 della Giunta regionale nella seduta dello scorso 20 aprile, attraverso la quale è stato designato presidente il procuratore generale della Repubblica di Reggio Calabria, Gerardo Dominijanni.

I nomi

A comporla saranno: il presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto o un suo delegato; il sottosegretario di Stato alla Giustizia Paolo Sisto; il presidente del Tribunale di Reggio Calabria, Maria Grazia Arena; il procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e professori universitari esperti in gestione delle imprese, tutti senza alcun compenso mentre i lavori dovranno concludersi entro sei mesi dalla seduta di insediamento, eventualmente prorogabili. La Giunta, come si legge nella determina, ritiene infatti che le aziende sequestrate o confiscate in molti casi vengono affidate alla gestione di «amministratori giudiziari che non sempre sono dotati degli strumenti necessari» oltre che delle indispensabili collaborazioni di tipo ambientale per – fa sapere la Giunta – assicurare «la continuità aziendale e, quindi, mantenere la produttività e i livelli occupazionali» portando molto spesso «alla dichiarazione di fallimento delle aziende».

Gli obiettivi

Nei piani della Giunta regionale, quindi, la cooperazione riguarderà lo studio e l’analisi, tra l’altro, dei punti di forza e di «debolezza nelle politiche di confisca e di riutilizzo delle aziende mafiose sperimentate in Italia; la definizione di strumenti di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’importanza del riutilizzo sociale e del risanamento delle aziende confiscate come strumento efficace di contrasto e prevenzione dell’infiltrazione criminale nell’economia legale; modelli di trasferimento di competenze, metodologie e buone prassi adottate in Italia e negli altri Paesi dell’Unione Europea per colpire i beni criminali e impedire la diffusione degli interessi mafiosi nell’economia legale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x