Ultimo aggiornamento alle 23:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

PRIMO MAGGIO

Sindacati in piazza ad Assisi. «Politica superi la precarietà»

Landini: «Affermare centralità dei diritti». Sbarra: «Azzerare conta dei morti». Bombardieri: «Incontro tra governo e parti sociali»

Pubblicato il: 01/05/2022 – 12:28
Sindacati in piazza ad Assisi. «Politica superi la precarietà»

ASSISI Al via la manifestazione nazionale per il Primo maggio di Cgil, Cisl e Uil, che quest’anno si svolge ad Assisi, in piazza San Francesco. Ad accompagnare la giornata è lo slogan “Al lavoro per la pace”.
In piazza i tre segretari generali, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombarbieri, che verso mezzogiorno prenderanno la parola dal palco, dopo le testimonianze di sei delegati sindacali di diverse categorie ed il saluto del Custode del Sacro convento di Assisi, fra Marco Moroni.
Nel pomeriggio il tradizionale concertone, promosso dai sindacati, che torna in piazza San Giovanni a Roma. Al centro della manifestazione i temi della pace, del lavoro e della crescita del Paese, dei salari e delle pensioni, della lotta alla precarietà e della sicurezza. La Festa dei lavoratori quest’anno sarà per i sindacati anche l’occasione per chiedere di fermare la guerra, con un appello alla comunità internazionale e all’Onu per favorire il negoziato tra la Russia e l’Ucraina e per il cessate il fuoco.
In piazza non sono mancate le tensioni con la polizia in assetto antisommossa che ha bloccato un piccolo corteo di rider che chiedevano di entrare in piazza per portare la voce degli sfruttati.

Landini: «Politica aiuti a superare la precarietà»

«Il messaggio di questo Primo maggio è innanzitutto che bisogna fermare questa guerra assurda voluta da Putin e impedire che diventi una guerra mondiale». Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, arrivando in piazza ad Assisi per la manifestazione dei sindacati in occasione del Primo maggio. Sul piano dell’occupazione, «bisogna affermare la centralità del lavoro e dei diritti e una politica che superi la precarietà», sottolinea Landini.

«In piazza per lanciare un messaggio di pace»

«Oggi siamo in piazza, ad Assisi per lanciare un messaggio di pace, democrazia e giustizia sociale. Per condannare senza riserve l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin». Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, dalla manifestazione per il Primo maggio ad Assisi, sostenendo la linea delle sanzioni alla Russia e ribadendo la solidarietà “al popolo ucraino, ai milioni di profughi, alle migliaia di vittime innocenti che gravano sulla coscienza di Putin. E anche ai tanti russi che coraggiosamente esprimono dissenso». La pace, rimarca Sbarra, «è un obiettivo imprescindibile. Ma la pace si costruisce con atti concreti. Azioni che devono indurre la Russia al cessate il fuoco. Aiuti alle famiglie colpite, ai profughi, a un popolo che resiste all’invasore. Bisogna dare pieno ruolo a negoziati che rispettino la dignità di una comunità aggredita».
Sostenere «la centralità del lavoro. Lavoro dignitoso, di qualità, contrattualizzato. Lavoro sicuro. Sono oltre 1.300 le vittime ogni anno nelle nostre fabbriche, nei campi, sui cantieri. Non abbiamo più sangue da dare». Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, dalla manifestazione per il Primo maggio ad Assisi, chiedendo di fermare questa «lunga scia di sangue. Chiediamo al Governo di mettere in cima alle priorità un grande piano che azzeri questa conta vergognosa», aggiunge Sbarra.

Bombardieri: «Draghi disponibile a confronto strutturato»

«Abbiamo incontrato il presidente Draghi che si era detto disponibile ad un confronto strutturato, domani però se il Cdm approva il provvedimento da 6 miliardi per famiglie, lavoratori e imprese e il governo non si confronta con le parti sociali allora probabilmente deve andare a fare un po’ di ripetizioni sul metodo del dialogo sociale». Così il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, dalla manifestazione per il Primo maggio ad Assisi: «Quello – afferma – non è un confronto ma un’informativa, oserei dire che è una presa in giro». Oggi purtroppo «continua ad esserci il dramma dei morti sul lavoro. Serve più formazione, prevenzione e un intervento a partire dalle scuole. Bisogna che iI governo abbia il coraggio di dire che le aziende che violano le norme sulla sicurezza non possono partecipare ai bandi pubblici e che le associazioni datoriali siano in grado di affermare che le aziende associate che violano le norme vanno fuori». Questa la proposta del segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, alla manifestazione dei sindacati per il Primo maggio ad Assisi. «È necessario istituire una procura unica per i temi della sicurezza», aggiunge Bombardieri.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x