Ultimo aggiornamento alle 22:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

scambio interculturale

Falconara Albanese e le sue tradizioni al centro del progetto “Mosaic of our time”

24 ragazzi provenienti da vari Paesi europei animeranno il centro storico e la Marina dell’unico paese arbëreshë del Tirreno cosentino

Pubblicato il: 29/06/2022 – 16:41
Falconara Albanese e le sue tradizioni al centro del progetto “Mosaic of our time”

FALCONARA ALBANESE Ventiquattro ragazzi provenienti da Portogallo, Romania, Belgio e Italia sono i “tasselli” di “Mosaic of our time”, il progetto Erasmus Plus coordinato dalla AVAMS – Associazione Volontariato Arte Musica e Spettacolo, che da anni opera sul territorio per promuovere e mantenere vive le tradizioni artistiche e culturali di Falconara e Torremezzo. Fino al prossimo 5 luglio, i giovani studenti universitari che hanno aderito al Progetto europeo si alterneranno tra il centro storico e la Marina dell’unico paese arbëreshë del Tirreno cosentino, portando avanti una serie di attività volte allo scambio interculturale: ciascun gruppo partecipante scaverà nel passato del proprio Paese, riportando alla luce tradizioni, racconti folkloristici, usi e costumi ed esprimendo, in questo modo, l’immaginario collettivo relativo al territorio di appartenenza. «Questo progetto è nato durante lo scambio giovanile sui diritti umani “Be, React, Fight”, tenutosi a Coimbra, in Portogallo, nel gennaio 2020 – racconta Alessandro Frangella, presidente di AVAMS – Il nostro gruppo italiano aveva lavorato sulla preparazione e presentazione di un laboratorio sui diritti dei giovani con background migratorio e si era sviluppata una discussione estremamente stimolante sulle radici culturali. Di lì a poco – prosegue – sarebbe scoppiata la pandemia, sconvolgendo, tra le altre cose, l’intero assetto degli scambi interculturali, ma obbligandoci, al contempo, a trovare nuovi modi e spazi per comunicare e proseguire nel confronto. Ci sono venuti in soccorso i social network, attraverso i quali la nostra piattaforma di relazioni è andata avanti fino a costruire questo progetto, che oggi finalmente prende vita qui a Falconara». I laboratori che impegneranno i ragazzi in attività performative, sceniche, artistiche e culturali, con ampio ricorso alle tecnologie e ai contenuti digitali, serviranno, dunque, a condividere le culture e le abitudini tradizionali di ciascun Paese, ma coinvolgeranno anche la comunità locale, perché i giovani avranno modo di visitare sia Falconara che Torremezzo, confrontandosi direttamente con gli abitanti. «Abbiamo scelto Falconara come luogo in cui sviluppare questo progetto – spiega Gaetano Amendola, project manager di “Mosaic of our time” – perché oltre ad essere il territorio in cui da anni AVAMS opera, è il posto perfetto in cui svolgere attività inclusive e a sostegno di giovani a rischio discriminazione. Infatti, vivere in un Comune situato all’interno di una nazione che ha diversa lingua, tradizioni, festività, musiche tradizionali e retaggio storico-culturale, rende gli abitanti di Falconara Albanese il giusto esempio di mantenimento di una forte identità culturale e anche un modello adatto per un discorso sull’integrazione sociale. I giovani hanno sempre avuto un ruolo fondamentare per la diffusione del pensiero critico e del dialogo interculturale e i cambiamenti sociali e geopolitici di questo momento storico, ci suggeriscono che occorre ripartire da loro, come pure dalle nostre radici culturali, per contrastare divisioni e diversità e riscoprire quella radice comune che ci vuole tutte tessere dello stesso mosaico. Non a caso – aggiunge Amendola – questo progetto è stato ispirato dal romanzo “Il mosaico del tempo grande” di Carmine Abate, ambientato proprio in un paese arbëreshë della Calabria, i cui personaggi sono immersi in una continua ricerca del proprio passato. Da qui prende vita l’idea di un progetto che possa dare spazio ai giovani per interrogarsi e (ri)scoprire le proprie origini: conoscere l’eredità culturale di ciascun territorio europeo è infatti essenziale per poter comprendere appieno i processi sociali del presente e costruire un futuro comunitario». «Un plauso doveroso va ai giovani volontari dell’AVAMS – conclude il Project Manager – per aver messo il proprio tempo e la propria dedizione a sostegno di questo Progetto, che oggi consente a Falconara e Torremezzo di essere, a loro volta, un prezioso tassello europeo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x