Ultimo aggiornamento alle 23:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

L’appello

La Uil: «Ora un piano industriale serio per Sorical»

Appello dei segretari generali Celi e Biondo alla Regione: «SI può dare finalmente avvio al processo di transizione del settore idrico»

Pubblicato il: 11/08/2022 – 10:50
La Uil: «Ora un piano industriale serio per Sorical»

CATANZARO «Mentre la rete idrica calabrese dimostra la sua fragilità nell’intero territorio regionale, acuita dal grave problema della siccità che ha colpito anche la nostra terra, la Regione Calabria, insieme al Management di Sorical, dando seguito al percorso iniziato negli scorsi mesi, che aveva visto la pubblicizzazione della società, nella giornata del 10 Agosto hanno deliberato l’uscita della società dello stato di liquidazione, durato dieci anni». Lo affermano, in una nota congiunta, Vincenzo Celi e Santo Biondo, rispettivamente segretario generale di Uiltec Calabria e Uil Calabria.
«Un fatto positivo – sostengono – insieme a quello di qualche settimana fa che ne ha reso completamente pubblico l’assetto societario, al quale guardiamo da tempo come questione determinante per il Servizio Idrico Regionale. L’accelerazione impressa dal Presidente Roberto Occhiuto sul riordino del servizio idrico regionale, deve trovare sintesi, adesso, nel non più rinviabile affidamento, da parte dell’Autorità Rifiuti e servizio idrico della Calabria, del Servizio idrico integrato Regionale, ad un unico soggetto gestore che possa consentire di intercettare le diverse linee di finanziamento Nazionali e Comunitarie per un concreto rilancio degli investimenti».
«Da questo punto di vista, crediamo che i presupposti per individuare in Sorical il soggetto in questione siano presenti – aggiungono i due segretari generali – e chiediamo parimenti la stessa determinazione dimostrata dal Governo Regionale anche al Commissario dell’Autorità, ingegner Bruno Gualtieri. Per come sosteniamo da tempo il futuro del sistema idrico integrato calabrese si gioca sulla capacità di mettere a frutto gli investimenti e di sviluppare temi quali: efficientamento della rete idrica, attuazione della legge regionale sul ciclo integrato delle acque, investimenti nell’organizzazione del lavoro e nelle infrastrutture, sviluppo delle nuove tecnologie, piano occupazionale».
«Dunque, siamo convinti che – affermano ancora – per valorizzare il percorso intrapreso sia necessario predisporre un Piano Industriale serio capace di rispondere non solo alle gravi carenze infrastrutturali della rete idrica regionale, ma capace di sviluppare quella capacità progettuale per intercettare le risorse messe in campo dalle politiche di coesione nazionali ed europee, il PNRR, le cui scadenze impongono scelte risolute, veloci, ma allo stesso tempo che non abbiano carattere emergenziale. Le scelte emergenziale degli scorsi mesi hanno palesato le difficoltà nel competere con soggetti che da tempo hanno investito sul rilancio dei propri servizi idrici, attraverso una capacità progettuale capace di intercettare risorse che non sono vincolate, ma messe a bando».
«È evidente che quanto accaduto negli scorsi mesi, con la perdita di importanti risorse per l’infrastruttura idrica – sottolineano Celi e Biondo – dovrà rimanere fatto isolato. Pertanto, è opportuno che la Regione Calabria si doti di soggetti strutturati, capaci di governare il processo di rilancio del servizio idrico regionale, per non rischiare di perdere l’ennesima occasione. Oggi, con la definitiva uscita di Sorical dallo stato di liquidazione crediamo che gli elementi per dare finalmente avvio al processo di transizione di cui il settore idrico regionale necessita ci siano. La Regione Calabria può concretamente invertire la rotta ed avere finalmente quello che da tempo sosteniamo: un sistema idrico integrato, che dalla captazione arrivi alla depurazione ed alla distribuzione ai cittadini».
«Anche sul tema della depurazione – concludono i due esponenti della Uil – ci pare di rilevare un’attenzione particolare da parte del Governatore Occhiuto, al quale intendiamo lanciare l’invito a valorizzare il percorso attraverso certamente le scelte che dovranno seguire al passaggio importante di ieri, ma nel contempo l’avvio del confronto con il sindacato anche sul servizio idrico integrato Regionale. Lo riteniamo un ulteriore passaggio virtuoso del processo che si sta sviluppando in relazione al rilancio di un settore strategico per la ripresa della nostra Regione e che siamo convinti al Presidente Occhiuto non sfuggirà».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x