Ultimo aggiornamento alle 21:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la manifestazione

La mamma di Davide ai crotonesi: «Siate meno omertosi. Non state a guardare»

La donna ha parlato durante la manifestazione per il 20enne finito in coma dopo un’aggressione. «Dovevate sostenere mio figlio anche quella sera»

Pubblicato il: 16/08/2022 – 21:56
La mamma di Davide ai crotonesi: «Siate meno omertosi. Non state a guardare»

CROTONE «Voglio dire ai cittadini di Crotone di denunciare. Di essere meno omertosi, di intervenire immediatamente quando si verificano degli episodi così gravi. Di non stare a guardare. Di agire, di non aspettare il peggio, perché in questa città si aspetta il morto: è sempre stata una città così, fin da quando ero bambina». A dirlo è stata Giusy Orlando, la madre di Davide Ferrerio, il 20enne aggredito il 12 agosto in pieno centro a Crotone, partecipando, stasera, alla fiaccolata promossa per dire “Crotone dice no alla violenza” come era scritto su uno striscione. «Io – ha aggiunto la donna – grido al mondo e a voi crotonesi di cui un po’ ho perso la fiducia. Ma adesso siete in tanti qua, in tanti siete venuti per mio figlio e vi ringrazio, perché mi state sostenendo. Però dovevate sostenere anche mio figlio quella sera, quando erano le 20.45, in pieno centro. E nessuno lo ha fatto. È stato visto correre, con uno che gli correva dietro. E nessuno ha detto: “Hei, fermati!”. Mio figlio non sarebbe in coma». All’iniziativa di stasera hanno partecipato un migliaio di persone e molti sindaci della provincia che hanno sfilato per le vie cittadine per esprimere la solidarietà della città e del territorio a Davide. Una iniziativa spontanea nata dalla consapevolezza di dimostrare che Crotone ripudia la violenza e per dire che la città non è omertosa – l’aggressore è stato arrestato grazie anche ad alcune testimonianze – ed abbraccia la famiglia del ragazzo bolognese la cui madre è di origini crotonese. «Ringrazio tutti per la vicinanza della città di Crotone che mi riempie di speranza – ha detto Massimiliano Ferrerio, padre di Davide -. Ora vivo un incubo. Non riesco a concepirlo. Chi conosce Davide non può credere che sia accaduto questo a lui che è la bontà in persona. Penso che sia stata una maledetta circostanza. Grazie ai cittadini di Crotone, questo abbraccio dà forza a Davide». Il ragazzo è in coma farmacologico all’ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x