Ultimo aggiornamento alle 8:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Inchiesta “Eyphemos”, scarcerato l’ex senatore Siclari

Il Riesame di Reggio ha revocato i domiciliari. È coinvolto nell’operazione contro le cosche di Sant’Eufemia d’Aspromonte e Sinopoli

Pubblicato il: 28/10/2022 – 18:52
Inchiesta “Eyphemos”, scarcerato l’ex senatore Siclari

REGGIO CALABRIA Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari per l’ex senatore di Forza Italia Marco Siclari. Dopo una settimana dall’esecuzione della misura cautelare, i giudici del Tdl hanno accolto il ricorso presentato dagli avvocati Franco Coppi, Gianluca Togniozzi e Vincenzo Cristian Siclari e hanno annullato l’ordinanza emessa nel febbraio 2020 dal gip su richiesta della Dda di Reggio Calabria.
L’ex parlamentare, infatti, era stato coinvolto nell’inchiesta “Eyphemos” contro le cosche di Sant’Eufemia d’Aspromonte e Sinopoli. Processato con il rito abbreviato per scambio elettorale politico-mafioso, nel settembre 2021 Siclari è stato condannato in primo grado a 5 anni e 4 mesi di carcere. Per l’accusa, il politico avrebbe accettato, in occasione delle politiche del 2018, la promessa di voti dalla ‘ndrangheta e in particolare da Domenico Laurendi, detto “Rocchellina”, ritenuto esponente di primo piano della cosca Alvaro di Sinopoli e Sant’Eufemia d’Aspromonte.
Essendo stato senatore fino a poche settimane fa, Siclari ha goduto dell’immunità parlamentare per cui l’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari è stata eseguita solo la settimana scorsa quando gli è stata notificata a Roma dalla squadra mobile di Reggio Calabria. Su richiesta dei difensori di Marco Siclari, in attesa del processo di secondo grado, il provvedimento è stato revocato dal Riesame.
L’udienza si è celebrata ieri mentre la decisione con la quale i giudici hanno annullato l’ordinanza è stata notificata oggi. Per le motivazioni della sentenza occorrerà aspettare 45 giorni. Intanto l’ex senatore, fanno sapere i suoi legali, continua «ad avere piena fiducia nella magistratura e attende con serenità il giudizio della Corte di Appello, confidando affinché la sua assoluzione possa essere pronunciata quanto prima possibile».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x