Ultimo aggiornamento alle 14:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la solidarietà

«Niente indennità Covid a medici 118, decisione inconcepibile»

Amalia Bruni: «Un dietrofront che ha del clamoroso e che evidenzia tutte le contraddizioni di una strategia confusa e contorta»

Pubblicato il: 03/11/2022 – 9:57
«Niente indennità Covid a medici 118, decisione inconcepibile»

CATANZARO «Siamo di fronte all’ennesima giravolta della Regione in tema di Sanità e sempre a danno dei lavoratori del settore. Questa volta addirittura si decide di non rispettare un impegno assunto solo pochi mesi fa, esattamente il 19 luglio, quando veniva siglato dalle organizzazioni sindacali di categoria, dal delegato del soggetto attuatore per l’emergenza Covid-19 e dal capo di gabinetto della presidente della Regione, un accordo per stabilire che le premialità ‘sono destinate a tutto il personale delle aziende sanitarie e ospedaliere del Servizio sanitario regionale, sia con rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato o determinato, sia con rapporto di lavoro convenzionato o con altri rapporti di lavoro flessibile’. Oggi, invece, si decide di erogarle solo ‘al personale della dirigenza medica, sanitaria, veterinaria e delle professioni sanitarie dipendenti del Sistema sanitario nazionale e del personale del comparto sanità dipendente del Sistema sanitario nazionale’. Un dietrofront che ha del clamoroso e che mette ancora una volta in evidenza tutte le contraddizioni di una strategia confusa e contorta, e spesso contraddittoria». Lo scrive in una nota Amalia Bruni, capogruppo del Misto e leader dell’opposizione nel Consiglio Regionale della Calabria. «Sono assolutamente solidale col collega Sinibaldo Iemboli – aggiunge – che commenta questa decisione come ‘una ferita che gronda sangue’. Qua parliamo di colleghi che hanno combattuto da soli e senza alcuna protezione per tutta la prima fase del contagio Covid, mettendo a serissimo rischio la propria incolumità per assistere i pazienti che in numero sempre maggiore si ammalavano. E fa bene Sinibaldo a ricordare che l’unico morto che c’è stato in provincia di Cosenza è stato Giuseppe De Vita, medico convenzionato del Suam di Cosenza». «Con questa decisione – conclude Bruni – ci saranno, nell’ambito dello stesso servizio sanitario, infermieri e autisti che otterranno l’indennità Covid mentre ai medici convenzionati la misura non sarà erogata. Presidente Occhiuto, continuiamo ogni giorno a chiedere sacrifici incredibili a questi medici e al momento giusto li lasciamo da soli senza nessuna gratificazione. Se per lei è giusto, ci spieghi almeno perché».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x