Ultimo aggiornamento alle 16:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

dalla cittadella

Protezione civile, le ricette di Occhiuto: migliorare il sistema di allerta, rilanciare Arpacal e accelerare la spesa in Regione – VIDEO

Il governatore incontra i sindaci sul tema della difesa del suolo: bene la risposta dei Comuni, l’Agenzia deve fare la sua parte

Pubblicato il: 16/12/2022 – 12:18
Protezione civile, le ricette di Occhiuto: migliorare il sistema di allerta, rilanciare Arpacal e accelerare la spesa in Regione – VIDEO

CATANZARO «I Comuni devono essere protagonisti insieme alla Regione di tutte le attività legate alla difesa del suolo, alla prevenzione e alla mitigazione del rischio, perché alcuni eventi che un tempo erano eccezionali stanno diventano purtroppo ora ordinari a causa dei cambiamenti climatici». Così il presidente della Regione Roberto Occhiuto, che sta incontrando alla Cittadella i sindaci calabresi sul tema del dissesto idrogeologico e del sistema di protezione civile.

La nuova legge sulla protezione civile

«È stato il turno di Ischia, prima ancora delle Marche. La Calabria è una regione esposta a potenziali rischi dal punto di vista del dissesto e di eventi avversi», ha aggiunto Occhiuto, che poi ha ricordato: «Abbiamo licenziato in Giunta la nuova legge sulla protezione civile, dal 1997 non si riformava la legge sulla protezione civile in Calabria eppure è una regione che ha più rischi di altre. E ora stiamo mettendo mano a tutte le attività utili a svolgere le azioni necessarie per la difesa del suolo. Bisogna farlo insieme ai Comuni e sono molto contento che i sindaci abbiano risposto con questa disponibilità, dimostrando grande sensibilità».

«Migliorare il sistema di allerta e rilanciare Arpacal»

Secondo Occhiuto, «il sistema di allerta è governato a livello nazionale dal Dipartimento Protezione civile che poi manda i dati ad Arpacal e Arpacal li restituisce alla Protezione civile regionale. Può essere migliorato ulteriormente, perché nei mesi passati Arpacal si è dotata di una stazione meteorologica molto avanzato ma non ha assunto meteorologi che la devono governare. Questo – ha sostenuto il presidente della Regione – è un tema alla mia attenzione: occorre un rilancio dell’Arpacal perché anche Arpacal deve svolgere la sua funzione, come può fare, in questa attività». Occhiuto, nel corso dell’incontro, ha anche specificato che «si deve ripensare l’intera governance, che appare complessa, e si può ragionare anche sull’ipotesi di creare un nuovo organismo».

Il tema delle risorse

Occhiuto si è poi soffermato sul problema delle risorse: «Nella legge sulla protezione civile abbiamo incrementato di molto le risorse, ma tutta l’attività legata alla difesa del suolo necessita di più risorse a livello nazionale. Noi però intanto dobbiamo spendere le risorse che abbiamo. Soprattutto deve farlo la Regione. Su questo i sindaci hanno ragione, Io appena insediato ho verificato che c’erano 400-450 milioni da impegnare per la difesa del suolo con un avanzamento della spesa molto lento, abbiamo raddoppiato la progressione di spesa ma non basta. Sono attività che si fanno in avvalimento sui Comuni, cioè li fanno i Comuni ma bisogna aiutare i Comuni a realizzarli più velocemente. Quindi mi è ben chiaro il fatto che bisogna accelerare e soprattutto bisogna accelerare qui in Regione». (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x