Ultimo aggiornamento alle 15:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Marcello Manna può tornare a svolgere la professione di avvocato

Il gup di Salerno ha revocato l’interdizione al sindaco (sospeso) di Rende. Ma per il giudice resta comunque «immutato» il quadro di gravità indiziaria

Pubblicato il: 23/12/2022 – 16:43
Marcello Manna può tornare a svolgere la professione di avvocato

SALERNO Marcello Manna, sindaco (sospeso) di Rende può tornare a svolgere la professione di avvocato. Lo ha deciso il gup del tribunale di Salerno che, pur ritenendo il quadro di gravità indiziaria «immutato»,  ha revocato, «salva ogni diversa e più compiuta valutazione da compiersi nelle successive fasi del procedimento», la misura cautelare della sospensione dall’esercizio della professione forense nei suoi confronti. Marcello Manna, penalista, è indagato dalla Procura di Salerno, guidata da Giuseppe Borrelli, con l’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Il dispositivo del Gup di Salerno

Per il Gup di Salerno «alla luce delle trascrizioni delle conversazioni prodotte deve necessariamente essere oggetto di rivalutazione la sussistenza delle esigenze cautelari». Il giudice dell’udienza preliminare sottolinea infatti nel provvedimento come dalle conversazioni non sia desumibile l’abitualità delle condotte, rilevando nello specifico una difformità nelle trascrizioni.  

La posizione dei legali di Manna

Secondo gli avvocati Riccardo Olivo e Nicola Carratelli «il provvedimento odierno costituisce la prima verifica dell’infondatezza della intera costruzione accusatoria, che sarà definitivamente accertata allorquando, finalmente, anche all’esito del già disposto interrogatorio di Marcello Manna, verrà affrontato e discusso il merito della vicenda, rispetto alla quale l’avvocato ed i suoi difensori hanno da subito evidenziato l’assoluta inattendibilità delle accuse del Petrini e l’esistenza di una serie di anomalie procedurali nella fase investigativa». «Siamo lieti – dichiarano gli avvocati Riccardo Olivo e Nicola Carratelli – che Marcello Manna possa tornare ad indossare la sua Toga, quella Toga che mai, mai, ha disonorato, anzi sempre egli svolgendo, davanti ai Giudici di tutt’Italia, la sua professione con scrupolo, correttezza, dignità e grande valore».

La vicenda 

La vicenda è legata alla tesi dell’accusa secondo la quale il 30 maggio 2019 Manna avrebbe consegnato a Petrini la somma di 5mila euro in contanti all’interno una busta da lettere contenuta in una cartellina da studio, data al giudice nel suo ufficio. In cambio Petrini avrebbe alterato «la dialettica processuale inquinando, metodologicamente, l’iter decisionale della Corte d’Assise d’Appello da lui presieduta» emettendo una sentenza di assoluzione nei confronti dell’imputato Francesco Patitucci, difeso da Manna, già condannato in primo grado, con rito abbreviato, a 30 anni di reclusione per concorso nell’omicidio di Luca Bruni avvenuto a Castrolibero il 3 gennaio 2012. La sentenza d’appello che assolve Patitucci, emessa il 4 dicembre 2019 sarebbe, secondo l’accusa, «contaminata in radice dagli eventi corruttivi». (f. b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x