Ultimo aggiornamento alle 8:49
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La denuncia

Autonomia differenziata, Ferrara attacca: «Divide il Paese e penalizza il Sud»

L’europarlamentare del Movimento 5 stelle contro la riforma: «È una proposta scellerata che aumenterà il divario in Italia»

Pubblicato il: 13/01/2023 – 12:27
Autonomia differenziata, Ferrara attacca: «Divide il Paese e penalizza il Sud»

CATANZARO «È caldo e sempre più urgente, il tema sull’autonomia differenziata all’indomani del blitz del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, che ne ha depositato il disegno di legge». Lo afferma l’europarlamentare del Movimento 5 stelle, Laura Ferrara che aggiunge: «Una proposta scellerata e che contribuisce ad aumentare il divario fra Nord e Sud Italia considerato il fatto che questa pdl si basa sul criterio della spesa storica».
«Ciò vuol dire – ricorda Ferrara – che in Calabria continueremo ad avere ospedali fatiscenti, acquedotti colabrodo, trasporti obsoleti e inefficienti, scuole sovraffollate sprovviste di mense e di qualsiasi altro servizio che nelle scuole del nord già oggi costituisce la normalità. Alla Lega, così come a tutto il centrodestra – in particolare ai suoi rappresentanti che governano i territori del Sud – andrebbe ricordato che la coesione territoriale è principio cardine delle politiche europee».
«Anche e soprattutto per questo gran parte delle risorse del Next Generation Eu e dei fondi europei in generale – spiega l’europarlamentare 5 Stelle – sono destinati a colmare il divario fra regioni meno sviluppate e più sviluppate. In Italia la maggioranza vorrebbe invertire la marcia, continuare a far crescere le regioni settentrionali già avvantaggiate dalla posizione geografica e relegare ai margini quelle del Sud».
«Se si vuole perseguire la strada dell’autonomia – afferma ancora – si faccia con buon senso, senza minare l’unità nazionale creando un’Italia di serie A e una di serie B. Bisogna definire i Livelli essenziali delle prestazioni (Lep). Consapevoli che non si parte tutti dalle stesse condizioni (socio-sanitarie, economiche e infrastrutturali), bisogna appianare le disuguaglianze ancora molto marcate e che penalizzano l’intero Paese».
«Non esistono italiani del nord e del sud – conclude Ferrara – siamo un unico popolo e la politica deve ragionare in termini di solidarietà e uguaglianza e non portare avanti riforme divisive e penalizzanti».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x