Ultimo aggiornamento alle 12:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la requisitoria

Reventinum, chiesti 20 anni per il killer Gallo. Ritrattazioni, il Tribunale acquisisce gli atti

Al via la requisitoria della pm Reale. Il collegio vuole vederci chiaro sulla doppia versione resa da Antonio Scalise sugli affari di famiglia

Pubblicato il: 14/02/2023 – 17:39
Reventinum, chiesti 20 anni per il killer Gallo. Ritrattazioni, il Tribunale acquisisce gli atti

LAMEZIA TERME Venti anni di carcere per il presunto (e insospettabile killer) Marco Gallo e 15 per Salvatore Mingoia. Sono le richieste avanzate dalla pm della Dda di Catanzaro Anna Chiara Reale nella prima parte della requisitoria del processo Reventinum, istruito contro la cosca Scalise. Il processo in corso davanti al Tribunale collegiale di Lamezia Terme ha visto, oggi, l’acquisizione – disposta dal Tribunale – al fascicolo del dibattimento delle dichiarazioni rese nel corso delle indagini da tutte le persone offese che, sentite nel corso del processo, hanno invece ritrattato rispetto alle proprie versioni iniziali o hanno confermato solo circostanze neutre negando quelle a carico degli imputati.
Il comportamento processuale di queste persone, unito alla inverosimiglianza – secondo l’accusa – delle giustificazione da loro fornite rispetto alle contestazioni che gli sono state mosse in merito alle ritrattazioni, avrebbe infatti rappresentato, secondo il Collegio, la dimostrazione che le presunte vittime siano state sottoposte a violenza o minaccia per non deporre o per deporre il falso.

Le ritrattazioni di Antonio Scalise e Mirella Raso

Stessa decisione ha preso il Tribunale rispetto alle precedenti dichiarazioni rese da Antonio Scalise e dalla moglie Mirella Raso, i quali avevano addirittura dichiarato, in udienza, di essere stati minacciati da appartenenti alle forze dell’ordine per rendere dichiarazioni contro i propri familiari. Anche per loro sono state quindi acquisite le precedenti dichiarazioni, nel corso delle quali non solo era emersa la frequentazione di Marco Gallo presso l’abitazione di Pino Scalise (da questi sempre negata) ma finanche che all’avvocato Pagliuso «dovevano farlo fuori». Dopo questa decisione, il Tribunale ha quindi dato avvio alle discussioni.

Udienza rinviata al 7 marzo

La pm ha ricostruito con dovizia di particolari e analiticamente non solo le prove acquisite sulla esistenza della cosca degli Scalise, ma anche dei rapporti dai suoi componenti intrattenuti con Marco Gallo, l’insospettabile killer, a oggi condannato in primo grado per gli omicidi dell’avvocato Francesco Pagliuso e di Gregorio Mezzatesta, che sarebbero stati eseguiti entrambi per conto della cosca e su mandato dei suoi capi. L’udienza, dopo le richieste di condanna a carico di Gallo e Mingoia, è stata quindi rinviata al prossimo 7 marzo per consentire al pubblico ministero di concludere rispetto agli altri imputati, anche tenuto conto delle acquisizioni oggi compiute dal Tribunale, e per l’intervento delle parti civili. Nel collegio difensivo degli imputati gli avvocati Francesco Siclari, Pietro Chiodo, Chiara Penna e Antonello Mancuso. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x