Ultimo aggiornamento alle 6:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

‘ndrangheta nel vibonese

Estorsioni a imprenditori, in Cassazione confermate le condanne per Puntoriero e Franzone

Per la Suprema Corte sono inammissibili i ricorsi dei due imputati nel processo nato dall’inchiesta antimafia “’Mbasciata”

Pubblicato il: 01/03/2023 – 9:05
Estorsioni a imprenditori,  in Cassazione confermate le condanne per Puntoriero e Franzone

VIBO VALENTIA La seconda sezione penale della Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi proposti da Vincenzo Puntoriero, 69 anni, commerciante di Vibo Valentia, e Domenico Franzone, 66 anni, anche lui di Vibo, all’esito del processo nato dall’operazione antimafia denominata ‘Mbasciata. La condanna finale confermata dalla Suprema Corte è pari a 3 anni e 4 mesi a testa, più quattromila euro di multa a testa. Tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso il reato per il quale i due imputati sono stati riconosciuti colpevoli per aver preteso da due imprenditori una tangente pari al 5% dell’appalto per i lavori di ripristino della condotta fognaria nella città di Vibo Valentia. Elemento probatorio cruciale nelle investigazioni, condotte dall’Arma dei carabinieri con il coordinamento della Dda di Catanzaro, i dialoghi registrati dai due imprenditori con gli estorsori e consegnati agli inquirenti. Dialoghi che hanno accertato i tentativi di “avvicinamento” delle vittime con metodo mafioso e sono serviti per incastrare gli estorsori che avrebbero agito per conto dei locali clan della ‘ndrangheta. (Agi)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x