Ultimo aggiornamento alle 14:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il caso

Guasto sulla linea Roma-Firenze. Rete ferroviaria nel caos

Pendolari, turisti e tifosi bloccati per ore. Un centinaio di convogli di treni coinvolti: «Ostaggio di Trenitalia»

Pubblicato il: 06/05/2023 – 19:58
Guasto sulla linea Roma-Firenze. Rete ferroviaria nel caos

ROMA Un sabato nel caos per la rete ferroviaria italiana, con pendolari, turisti e tifosi rimasti bloccati in ritardi durati fino a sei ore.
A fare le spese di un inconveniente tecnico sono stati i tanti passeggeri a bordo di un centinaio di treni coinvolti, tra Intercity, regionali e Alta velocità, alcuni dei quali cancellati. Il calvario dei viaggiatori è cominciato intorno alle 9.30 quando, al passaggio dell’Intercity 533 Roma-Ancona, un pantografo è entrato in contatto con la linea di alimentazione elettrica a poca distanza da Roma Tiburtina.
Quel treno (su cui viaggiavano anche diversi supporter della Lazio diretti a Milano per la partita di campionato) e altri tre convogli sono stati perciò instradati su un’altra linea: un’operazione difficile che ha richiesto oltre tre ore e che ha inevitabilmente creato un effetto a cascata sulle partenze e gli arrivi in tutto il Paese.

«Rimasto ostaggio di Trenitalia per ore»


Non solo. L’intervento dei tecnici di Rfi per la riparazione del guasto è durato in tutto quasi otto ore e terminato alle 17. «Molti hanno rinunciato al viaggio e se ne sono andati», ha spiegato una viaggiatrice. Altri passeggeri hanno raccontato di essere scesi dai treni e tornati a piedi in stazione camminando lungo i binari, aiutati dagli addetti alla sicurezza. E sui social si sono moltiplicate le foto di tabelloni ferroviari che riportavano le ore di ritardo che man mano si accumulavano, mentre qualcuno scriveva: «Siamo ostaggio di Trenitalia da millemila ore. La tv dentro il Frecciarossa non dice più nemmeno di quante ore siamo in ritardo. Il controllore assiduo e gentile è scomparso. Il bar saccheggiato. Siamo in aperta campagna, fermi. Rassegnati. Non c’è manco un po’ di sana rabbia sociale», ha twittato Chiara Cruciati. «Rimpiango i locomotori a gasolio», ha aggiunto Luca Ziliotto.
Sui treni e in alcuni snodi, gli addetti hanno distribuito generi di primo conforto e sono stati tanti i bivacchi di viaggiatori che si sono formati nel corso delle ore nelle stazioni, come a Firenze Santa Maria Novella, dove i ritardi hanno superato le sei ore: «L’Italia ormai è divisa a metà, non se ne accorgono?», ha commentato un uomo da ore in attesa assieme alla moglie. «Il nostro treno per Milano delle 18.20 è cancellato e lo abbiamo scoperto arrivando alla stazione – dicono in fila alla biglietteria due ragazze – o ci trovano una soluzione o ci pagano un albergo perché non sappiamo dove andare, è una vergogna». Le compagnie hanno garantito il rimborso del biglietto in diversi casi, ma questo non è bastato a contenere l’esasperazione, filtrata anche attraverso i commenti di alcuni parlamentari. Alcuni hanno inoltre ricordato quanto accaduto soltanto lo scorso 20 aprile, quando il carro di un convoglio, uscito dai binari, aveva abbattuto un traliccio provocando anche in quel caso gravi disagi.

Le reazioni politiche


«Ormai in nel nostro Paese i ritardi e i guasti dei treni hanno frequenza inaccettabile, non è certo un caso che il trasporto ferroviario italiano sia nella classifica delle dieci linee peggiori d’Europa», ha attaccato il deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli, postando il tabellone dei ritardi a Termini e annunciando un’interrogazione parlamentare al ministro dei Trasporti Matteo Salvini «per sapere cosa stia accadendo alle linee ferroviarie italiane e sul perché dell’assenza di manutenzione». Anche la senatrice Silvia Fregolent, di Italia Viva, ha puntato il dito contro «lo stato di salute dell’Alta velocità, a cui mancano manutenzione e opere di modernizzazione. Se il ministro Salvini non sa come spendere i soldi del Pnrr li investa su questo», dice.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x