Ultimo aggiornamento alle 16:23
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista

Cosenza, il nuovo dirigente della Squadra Mobile: «I reati nei confronti dei più vulnerabili sono odiosi» – VIDEO

Gabriele Presti è al lavoro dallo scorso 8 maggio. «La piaga del traffico di stupefacenti è ormai trasversale»

Pubblicato il: 10/05/2023 – 12:56
Cosenza, il nuovo dirigente della Squadra Mobile: «I reati nei confronti dei più vulnerabili sono odiosi» – VIDEO

COSENZA Dallo scorso 8 maggio 2023 si è insediato il nuovo capo della Squadra Mobile di Cosenza, Gabriele Presti, presentato ufficialmente – questa mattina – nella sede della Questura di Cosenza, in occasione della premiazione degli agenti che si sono distinti in alcune operazioni e alla presenza del Questore Michele Maria Spina. Presti, nei ruoli della Polizia di Stato dal 1999, da agente ha prestato servizio nelle città di Catania, Roma, Rimini e Palermo. In quest’ultima città ha svolto servizio per un lungo periodo, dall’inizio del 2003 alla fine del 2006 presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza sezionale “San Lorenzo”. Laureatosi in giurisprudenza, ha superato il concorso da funzionario frequentando il Corso di formazione per Commissari presso la Scuola Superiore di Polizia in Roma, espletando dei periodi di tirocinio nelle città di Verona, Brescia e Trieste. Nel giugno 2015 è stato promosso alla qualifica superiore di Vice Questore Aggiunto e il primo novembre 2015, è stato trasferito alla Questura di Enna, assumendo la dirigenza della Squadra Mobile. Poi, il 9 Dicembre 2019, è stato trasferito alla Questura di Siracusa, assumendo la Dirigenza della Squadra Mobile.

«I reati nei confronti dei più vulnerabili sono i più odiosi»

«La squadra mobile contrasta tutti i reati e sicuramente anche tutti quelli che colpiscono le persone più vulnerabili e quelli che ritengo maggiormente odiosi. Che hanno bisogno di un aiuto che non sia soltanto una risposta giudiziaria, ma anche un particolare approccio con le vittime», spiega Presti al Corriere della Calabria. Che da dirigente della Squadra Mobile di Siracusa ha concluso l’operazione denominata “Demetra”, finalizzata al contrasto alla criminalità organizzata e al traffico di stupefacenti. «La piaga del traffico di sostanze stupefacenti è ormai trasversale sia nella penisola che nella stessa società, dove purtroppo la domanda non accenna a calare e crea ovviamente un’offerta da parte di tutte le organizzazioni criminali in prima battuta, ma anche di tutti quelli che gravitano nel mondo della delinquenza», dice Presti.
Il nuovo dirigente della Squadra Mobile di Cosenza è pronto ad operare. «La fase di conoscenza è necessaria in qualsiasi esperienza lavorativa, soprattutto nell’attività investigativa. Se non conosci il territorio, non puoi capire le necessità, le esigenze e le soluzioni utili a dare delle risposte. Sicuramente questa è la mia prima esperienza in Calabria, ed è una una realtà differente da quelle a cui mi sono approcciato finora». (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x