Ultimo aggiornamento alle 10:10
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la mobilitazione

I sindacati: «Basta tagli alla forestazione, la Regione intervenga con i fondi europei»

Cgil, Cisl e Uil: «Settore fondamentale, ma con 4mila dipendenti di età media avanzata è impossibile tutelare il patrimonio boschivo»

Pubblicato il: 11/05/2023 – 14:46
I sindacati: «Basta tagli alla forestazione, la Regione intervenga con i fondi europei»

CATANZARO «La forestazione è uno dei settori cardine dell’economia calabrese e non può essere destrutturato. Per questo Cgil, Cisl e Uil Calabria sostengono le ragioni della mobilitazione delle Organizzazioni sindacali di categoria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil che ci porteranno in piazza a Catanzaro il prossimo venerdì 12 febbraio». Lo dicono in una nota, i segretari generali delle tre organizzazioni sindacali per la Calabria Angelo Sposato (Cgil), Tonino Russo (Cisl) e Santo Biondo (Uil).  «La forestazione – spiegano – è settore fondamentale per la Calabria sia per quanto riguarda la questione della prevenzione, del dissesto idrogeologico, del recupero delle aree interne e, quindi, per il rilancio economico dell’intero territorio regionale. Sottoporre questo ambito occupazionale a continui tagli, avendo come unico indirizzo da seguire quello maturato da polemiche sterili e surreali, non è la strada più giusta da seguire». 

«Nel settore 4mila lavoratori con età media di 60 anni»

«Per questo – continuano i tre segretari –, condividendo appieno le richieste provenienti dalle categorie, chiediamo anche noi a gran voce attenzione rispetto alla piattaforma rivendicativa dove si ribadisce che il settore non può più fare a meno di un ricambio generazionale. Il settore forestale in Calabria conta ormai poco più di 4000 lavoratrici e lavoratori, con un’età media che si aggira attorno ai 60 anni e, quindi, ormai vicini alla pensione. È evidente a tutti come, con questi numeri, sia impensabile poter mettere in campo progettazioni per tutelare un patrimonio boschivo di oltre 650 mila ettari in un territorio fragilissimo dal punto di vista idrogeologico».

Le richieste dei sindacati per la forestazione in Calabria

«Quello che noi, invece, chiediamo – prosegue la nota – è la massima attenzione verso un settore che, se concretamente sostenuto nel pieno rispetto della legalità, potrebbe promuovere il sistema economico e produttivo della Calabria, rilanciandone la sua ricchezza attraverso la valorizzazione delle aree interne. La Calabria, infatti, è una delle regioni più boschive d’Italia e questo patrimonio a oggi non è pienamente sfruttato. Il potenziamento della forestazione, poi, diventa un tema centrale nel dibattito sui temi della difesa dell’ambiente, nel momento in cui la nostra Nazione, in ossequio agli indirizzi dell’Unione europea, si appresta ad una transizione energetica importante e quanto mai non rinviabile. Per questo, scendendo in piazza il prossimo 12 maggio, vogliamo suonare la sveglia ad un Governo che, purtroppo, appare quanto meno assente su questa tematica e lo faremo anche in preparazione della mobilitazione unitaria che, il prossimo 20 maggio, vivrà a Napoli la sua terza giornata di protesta e di proposta. Allo stesso tempo, infine, senza giri di parole chiediamo alla Regione Calabria di non trascurare il potenziamento occupazione della forestazione ma, anzi, di farlo provvedendo a destinare verso questo settore una quota parte della programmazione europea 21/27».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x