Ultimo aggiornamento alle 17:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il verdetto

“Sisifo”, dopo 15 anni dalla sentenza di primo grado Notarianni assolto “perché il fatto non sussiste”

La decisione della Cassazione che ha accolto le tesi della difesa rappresentata dall’avvocato Ferraro

Pubblicato il: 07/06/2023 – 13:31
“Sisifo”, dopo 15 anni dalla sentenza di primo grado Notarianni assolto “perché il fatto non sussiste”

CATANZARO «All’esito dell’udienza di ieri, la seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha definitivamente assolto Rosario Notarianni (difeso dall’avvocato Aldo Ferraro) rispetto al reato di usura che gli veniva contestato nell’ambito dell’operazione Sisifo, e per il quale aveva riportato condanna all’esito del giudizio abbreviato in primo grado a 3 anni e 6 mesi di reclusione». Lo riferisce una nota. «Questa decisione – prosegue la nota – giunge dopo un complesso iter processuale, che ha registrato ben tre interventi della Corte di Cassazione, l’ultimo dei quali ieri, e due giudizi di rinvio. La condanna di primo grado resa all’esito di giudizio abbreviato nel 2008, fu infatti dapprima annullata dalla Corte di Appello di Catanzaro nel 2009 con assoluzione di tutti gli imputati per la ritenuta inutilizzabilità delle dichiarazioni rese dalle persone offese; vi fu un primo annullamento con rinvio della Corte di Cassazione nel 2011, che aveva invece ritenuto utilizzabili le ridette dichiarazioni, con rinvio degli atti ad altra sezione della Corte di Appello; all’esito del giudizio di rinvio, la Corte Territoriale nel 2016 confermò la condanna che era stata pronunciata nei confronti del Notarianni, disponendo la confisca dei suoi beni; tale sentenza fu impugnata fu annullata con rinvio dalla Corte di Cassazione nel 2018 su ricorso dell’avvocato Ferraro, che denunciò la mancanza del rigoroso accertamento del tasso di interesse che Notarianni Rosario avrebbe preteso, e che era stato ritenuto usurario, rispetto a quello trimestralmente stabilito dal Ministero dell’Economia; è poi nuovamente intervenuta la Corte di Appello di Catanzaro con sentenza dello scorso 10 febbraio 2021 che, dopo avere disposto una perizia finalizzata ad accertare la fondatezza dei rilievi e delle deduzioni difensive, ha assolto Notarianni Rosario “perché il fatto non sussiste” prendendo atto che mai è stato superato il tasso di interessi stabilito per ogni trimestre dal Ministero dell’Economia. Tale sentenza è stata impugnata dalla Procura Generale di Catanzaro, ma la Corte di Cassazione, all’esito dell’udienza di ieri, sentito il difensore ed il Procuratore Generale, ha posto la parola fine alla vicenda giudiziaria di Rosario Notarianni, che per questa vicenda è stato detenuto per oltre due anni presso la casa circondariale di Melfi, ma che oggi, a 15 anni di distanza dalla sentenza di primo grado, è stato assolto “perché il fatto non sussiste” ». La nota riferisce poi che «sempre all’esito dell’udienza di ieri la Corte ha accolto le argomentazioni dei difensori Giuseppe Spinelli ed Antonio Larussa nell’interesse di Salatino Antonio, rigettando il ricorso del Procuratore Generale avverso la revoca della confisca del fabbricato di contrada Barbuto di Lamezia Terme, irrevocabilmente restituito a Salatino Antonio, nonché, accogliendo il ricorso proposto dall’avvocato Giuseppe Spinelli, ha annullato la confisca disposta dalla Corte di Appello di Catanzaro nei confronti di Pascucci Giovanna, moglie di Salatino Antonio, di un fabbricato, di un motociclo e due autovetture».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x