Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Le indagini

L’esito shock dell’autopsia: Giulia uccisa con almeno 37 coltellate

La giovane non avrebbe cercato di difendersi dai colpi inferti dal compagno, reo confesso, Alessandro Impagnatiello

Pubblicato il: 09/06/2023 – 18:03
L’esito shock dell’autopsia: Giulia uccisa con almeno 37 coltellate

MILANO Giulia Tramontano è stata uccisa con almeno 37 coltellate di cui due al collo che hanno reciso la carotide e la succlavia – l’arteria sotto la clavicola. Sono i primi elementi emersi dall’autopsia condotta all’Istituto di medicina legale di Milano con gli accertamenti dei consulenti della Procura, coordinati dal professore Andrea Gentilomo, insieme a specialisti per la parte tossicologica ed entomologica.
Secondo quanto appreso, le ferite si sono concentrate sulla parte alta del corpo e non è stato colpito il feto della ragazza. Le ferite parrebbero compatibili – ma servono ulteriori accertamenti – con il coltello indicato dal compagno reo confesso Alessandro Impagnatiello. Ci sarebbe una coltellata anche in viso, due da dietro la schiena e alcune che hanno perforato i polmoni.
Sempre secondo quanto si apprende, la giovane non avrebbe cercato di difendersi. Ma dai primi accertamenti, è emerso che è impossibile datare esattamente la morte in quanto il fuoco, appiccato due volte nel tentativo di disfarsi del corpo, ha coperto le tracce e alterato i tessuti.

La famiglia: da noi un messaggio di amore e non di odio

«Purtroppo non possiamo essere presenti a questa fiaccolata in memoria della nostra cara Giulia e Thiago. Vogliamo pero’ fare arrivare a tutti i presenti il nostro messaggio di ringraziamento per la vicinanza mostrataci. L’affetto ed il calore di tutti voi è per noi fonte di grande supporto. Il nostro amore per Giulia e Thiago, eterno, smisurato e insaziabile è la più ardente tra le fiamme di questa e tutte le fiaccolate in loro memoria. Nessun sentimento di odio potrà mai spegnere questo fuoco, in cui ci struggiamo e riscaldiamo al contempo. Per noi Giulia è e sarà per sempre: madre premurosa, amorevole sorella e figlia indimenticabile. Grazie a tutti voi da Loredana, Franco, Chiara e Mario». Così Chiara Tramontano, sorella di Giulia, ha commentato con una storia su Instagram la fiaccolata organizzata ieri sera a Sant’Antimo organizzata in onore della vittima e del piccolo Thiago.

Ancora qualche giorno per i funerali

«Per avere la disponibilità della salma serve qualche giorno, anche per poter organizzare il rito funebre a Giulia e al piccolo Thiago. La metà della prossima settimana speriamo di avere il corpo per poter provvedere ai funerali. La famiglia è tramortita per questo dolore, ma sa che servono questi tempi per gli accertamenti. Oggi era presente il papà con alcuni familiari». È quanto ha spiegato l’avvocato Giovanni Cacciapuoti, legale della famiglia di Giulia Tramontano.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x