Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la posizione

Bruni: «Sdegno per il manifesto con lo stemma del Comune di Petilia Policastro al killer di Lea Garofalo»

L’esponente del Pd e vicepresidente della Commissione Antindrangheta chiede «scuse e dimissioni immediate»

Pubblicato il: 15/07/2023 – 21:01
Bruni: «Sdegno per il manifesto con lo stemma del Comune di Petilia Policastro al killer di Lea Garofalo»

«Non ci sono parole per commentare quanto accaduto a Petilia Policastro, dove è stato affisso un manifesto funebre di uno dei killer di Lea Garofalo con lo stemma del Comune. Il punto più basso di una istituzione che rende omaggio ad uno spietato assassino resosi protagonista dell’omicidio di Lea Garofalo, uccisa a Milano il 24 novembre 2009 per aver raccontato alle Forze dell’Ordine fatti di ndrangheta riconducibili alla sua famiglia. A tutto può essere dato una spiegazione, ma questo episodio è un’onta che ricade su tutti i calabresi onesti che ancora piangono la scomparsa di Lea. Prefetto e Ministero dell’Interno intervengano immediatamente esigendo spiegazioni e, nel caso, adottando le misure del caso. Io stessa chiederò che l’Amministrazione di Petilia Policastro venga audita in Commissione Antindrangheta. Lo dobbiamo alla gente perbene di questa terra, alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura che tutti i giorni combattono con grande determinazione la criminalità organizzata». Lo scrive in una nota Amalia Bruni, gruppo Partito Democratico e Vicepresidente Commissione Antindrangheta.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x