Ultimo aggiornamento alle 23:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

“imperium”

Attività commerciali e turistiche nelle mani della ‘ndrangheta del Vibonese, eseguite 32 misure cautelari – NOMI

Operazione della Guardia di Finanza coordinata dalla Dda: arresti in tutt’Italia. Sequestri per 12 milioni: confermati i sigilli al villaggio Sayonara

Pubblicato il: 01/08/2023 – 8:50
Attività commerciali e turistiche nelle mani della ‘ndrangheta del Vibonese, eseguite 32 misure cautelari – NOMI

VIBO VALENTIA Nella mattinata odierna  militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, con la collaborazione del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (Scico), hanno dato esecuzione al provvedimento con cui il gip, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, ha disposto misure cautelari personali nei confronti di 32 soggetti, indagati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori. In particolare, i provvedimenti restrittivi della libertà riguardano l’esecuzione di 11 custodie cautelari in carcere; 7 arresti domiciliari; 13 obblighi di presentazione alla Pg  e 1 divieto di dimora nella regione Calabria. Contestualmente, l’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro di tre ditte operanti nel settore turistico, che si sono avvicendate nella gestione di uno stabilimento balneare sito a Nicotera Marina (Vibo)  tuttora in esercizio, e di un’attività commerciale, operante nel settore floreale, ubicata a Milano, tutte riconducibili a soggetti appartenenti ad una cosca di ‘ndrangheta, egemone nel vibonese, per un valore di circa 250 mila euro. E’ stato inoltre confermato il sequestro preventivo nei confronti di diversi fabbricati, terreni, quote di partecipazione, complessi aziendali, ditte individuali e autoveicoli, per un valore complessivo di oltre 12 milioni di euro, tra cui il noto villaggio turistico Sayonara, beni già oggetto di precedente misura cautelare patrimoniale. Gli odierni provvedimenti emessi dall’autorità giudiziaria., eseguiti nelle province di Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Roma, Catania, Milano, Sondrio, Monza e Brianza, Cosenza, Caserta, Chieti e L’Aquila, con l’impiego di oltre 140 finanzieri e l’ausilio di unità Antiterrorismo e Pronto Impiego del Corpo, concludono una articolata attività d’indagine svolta dagli specialisti del Nucleo di polizia economico-finanziaria/Gico  della Guardia di Finanza di Catanzaro.

Il controllo della ‘ndrangheta nel settore turistico-alberghiero

Gli esiti dei complessi approfondimenti investigativi hanno consentito di delineare, nella fase delle indagini preliminari, che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa, la gravità indiziaria circa la sussistenza di un gruppo criminale, riconducibile ad una consorteria operante nella provincia vibonese che, avvalendosi della forza di intimidazione che scaturiva dal vincolo associativo e delle conseguenti condizioni di assoggettamento e di omertà sussistenti nel citato territorio, aveva acquisito il controllo di fatto di diverse attività commerciali, soprattutto nel settore turistico-alberghiero, tanto da condizionarne la gestione. Al riguardo, gli amministratori di fatto e di diritto e altri soggetti che si sono occupati del management delle citate attività sono stati attinti da misure cautelari personali. A suffragare le ipotesi investigative della Direzione Distrettuale Antimafia hanno contribuito le dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, secondo cui alcuni degli odierni indagati, al fine di agevolare l’attività dell’associazione di tipo ‘ndranghetistico, nel corso degli anni, ponendo in essere diverse condotte di attribuzione fittizia di quote di società ovvero di cariche di amministrazione, si sarebbero adoperati per assicurare a soggetti appartenenti ad una cosca di ‘ndrangheta del vibonese l’impunità ovvero la non riconducibilità delle attività imprenditoriali in capo agli stessi in modo da evitare provvedimenti di aggressione patrimoniale. Il sequestro dei patrimoni illeciti, disposto dall’Autorità Giudiziaria ed eseguito dalla Guardia di Finanza, assume anche un valore “sociale”, poiché consente di restituire alla collettività le ricchezze accumulate dalla criminalità organizzata.

Le persone coinvolte nell’operazione

Custodia cautelare in carcere

Paolo Mercurio;
Francesco Mancuso detto Bandera;
Assunto Natale Megna;
Domenico Antonio Ciconte;
Giuseppe Armando Bonavita;
Roberta Bonavita;
Salvatore Pandullo;
Giuseppe Antonio Accorinti;
Rocco Morabito;
Giovanni Sergio.

Arresti domiciliari

Francesco Polito;
Agatino Conti;
Francesco Falsaperna;
Domenico Fonti;
Giuseppe Fonti;
Sebastiano Molino;
Francesco Rapisarda.

Divieto di dimora in Calabria

Giuseppe Daniele Megna.

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Maria Eugenia Grazia Arcuri;
Sabrina Benincasa;
Teodosia Blasimme;
Isidoro Buccafusca;
Fabio Demarzo;
Elisabetta Di Capua;
Giuseppe Dimasi;
Alessandro Oliveri;
Lucia Peluso;
Maria Ribecco;
Klaudia Takacsova;
Paolo Tinè;
Graziella Torrisi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x