Ultimo aggiornamento alle 14:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la critica

Mammoliti: «Istituzioni piegate al volere della maggioranza e mortificate»

Il consigliere regionale del Pd stigmatizza lo svolgimento dell’ultima seduta della sesta Commissione

Pubblicato il: 01/08/2023 – 16:15
Mammoliti: «Istituzioni piegate al volere della maggioranza e mortificate»

LAMEZIA TERME «Si abbia il coraggio di restituire la parola ai cittadini oppure si dica chiaramente chi sarebbero i consiglieri regionali che non consentono al Presidente Occhiuto di portare avanti la sua azione di governo. Di certo non è consentito piegare il funzionamento delle istituzioni democratiche alla mera logica di maggioranza».  Lo afferma il consigliere regionale del Pd Raffaele Mammoliti. «È gravissimo – sostiene Mammoliti – quello che è avvenuto ieri durante la seduta della sesta Commissione consiliare che aveva all’ordine del giornola proposta di legge riguardante la riforma dei Consorzi di bonifica presentata dalla Giunta regionale. Sullo stesso tema il gruppo del Pd aveva presentato una proposta  una proposta di legge in data 23 maggio 2023 che, inspiegabilmente, non è stata mai calendarizzata. In ogni caso, in base al regolamento interno del Consiglio (art. 69), si sarebbe dovuto procedere all’esame abbinato. Inoltre occorre rilevare l’irritualità verificatasi nella pur positiva e legittima audizione dei diversi attori ad un orario però successivo rispetto al termine ultimo per la presentazione degli emendamenti, fissata per le ore 11. Tale atteggiamento – che stigmatizzo – è in linea con molti altri provvedimenti e/o passaggi legislativi che si sono consumati a volte senza il passaggio dalle apposite Commissioni e spesso senza il coinvolgimento democratico dei diversi attori. Penso alla Multiutility, ad Azienda Zero, Sacal, incendi boschivi e depurazione, mentre per altri provvedimenti come quelli riguardanti il gioco d’azzardo o il consigliere supplente, i consiglieri di maggioranza sono stati costretti a figure barbine. E’ un modo di procedere lesivo del ruolo del Consiglio e delle Commissioni e irrispettoso per gli stessi elettori calabresi. Occorre da subito ripristinare e garantire il pieno rispetto del funzionamento degli organi istituzionali.  Auspico pertanto – conclude Mammoliti – la giusta attenzione e interessamento del presidente del Consiglio, sperando che i consiglieri di maggioranza manifestino un vero sussulto di dignità, perché nel passaggio della seduta del Consiglio convocata per il 3 agosto  che discuterà della riforma dei Consorzi, è in gioco il ruolo e la funzione di tutti i consiglieri regionali della Calabria».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x