Ultimo aggiornamento alle 15:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il dibattito

Provincia di Vibo, rinviato (con polemica) il Bilancio. La maggioranza perde un consigliere

Salta la discussione dell’unico punto all’ordine del giorno. Di Bartolo (Pd): «Lo schieramento di L’Andolina si dissolve»

Pubblicato il: 09/08/2023 – 8:10
Provincia di Vibo, rinviato (con polemica) il Bilancio. La maggioranza perde un consigliere

VIBO VALENTIA Il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Corrado Antonio L’Andolina, su richiesta del consigliere di maggioranza Roberto Scalfari, capogruppo in Consiglio di Forza Italia, ha rimandato la discussione in aula dell’unico punto all’ordine del giorno: il Bilancio di previsione 2023-2025. Lo riporta l’agenzia Dire.
La richiesta di rinvio della seduta consiliare da parte di Scalfari, sostenuta anche dai consiglieri Daniele Galeano (Forza Italia) e Carmine Mangiardi (Coraggio Italia) «nasce dall’esigenza – ha sottolineato il capogruppo di Forza Italia, Scalfari – di approfondire le varie voci di bilancio e avere, quindi, dei ragguagli di natura tecnica dalla funzionaria responsabile della macrostruttura “Affari finanziari” dell’Ente, non presente in aula per sopraggiunte problematiche familiari». Ad esprimersi e, successivamente, a votare contro il rinvio della discussione del Bilancio di previsione e, quindi, della seduta del Consiglio provinciale, sono stati i consiglieri: Domenico Tomaselli, Maria Teresa Centro e Marco Miceli, eletti in Consiglio nella coalizione di centrosinistra “La Provincia del Futuro”; Giuseppe Leone e Vito Pirruccio, eletti in consiglio con Forza Italia e il consigliere Alessandro Lacquaniti eletto in Consiglio con Coraggio Italia. Quest’ultimo, nel corso del dibattito, ha annunciato anche l’abbandono della maggioranza.

Di Bartolo (Pd): «La maggioranza si dissolve»

Critico il segretario provinciale del Partito Democratico Giovanni Di Bartolo. «Difronte alle difficoltà finanziarie, alle problematiche quotidiane del territorio e alle incerte prospettive dell’Ente, l’amministrazione provinciale e la maggioranza di centrodestra rispondono confermando un atteggiamento di grave irresponsabilità non all’altezza delle istituzioni e di mancanza di rispetto verso tutti i cittadini vibonesi», spiega l’esponente dem.
«Nei mesi scorsi – continua Di Bartolo – avevamo preso atto dell’atteggiamento dei consiglieri provinciali che disertavano sistematicamente sedute di commissione e di consiglio, auspicando un chiarimento nell’interesse del lavoro che la Provincia dovrà affrontare per raggiungere una condizione di equilibrio necessaria ad assolvere in modo efficace le proprie funzioni. Quanto successo oggi con la sospensione forzata della seduta di Consiglio provinciale da parte del Presidente, evitando così la discussione e il voto sul bilancio di previsione, ci consegna un quadro della situazione ben più grave di quanto potessimo immaginare. Dopo sette mesi dalle elezioni provinciali si è atteso l’atto di programmazione più importante nell’attività dell’Ente per certificare in maniera clamorosa la dissoluzione della maggioranza a sostegno dell’amministrazione L’Andolina».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x