Ultimo aggiornamento alle 11:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la confessione

‘Ndrangheta a Vibo, Francesco Prostamo e l’innalzamento della dote nel carcere di Cosenza

Un pentito cosentino svela un particolare dell’indagato nell’inchiesta della Dda di Catanzaro

Pubblicato il: 12/09/2023 – 7:08
‘Ndrangheta a Vibo, Francesco Prostamo e l’innalzamento della dote nel carcere di Cosenza

VIBO VALENTIA Il tentativo messo in atto per piegare un imprenditore al volere della ‘ndrangheta, che tradotto significa costringerlo a pagare per irrobustire le casse della mala vibonese. E’ quanto emerge dalla recente inchiesta “Maestrale-Cathago 2” coordinata dalla Dda di Catanzaro. Protagonisti dell’episodio contestato dalla Distrettuale guidata da Nicola Gratteri, Francesco Prostamo detto “Zorro” e Giuseppe Prostamo detto “Giubba”. I due vengono intercettati mentre sono entrambi ristretti nel carcere “Sergio Cosmai” di Cosenza e dalle captazioni emergerebbe un episodio estorsivo con al centro un pagamento da 10.000 euro a favore della ‘ndrina di San Giovanni di Mileto. Il contenuto dei dialoghi «è inequivocabile» – per chi indaga – «e offre elementi certi circa la riconducibilità della condotta tentata ai due indagati». Secondo l’accusa, “Giubba” e “Zorro” avrebbero legami con la ‘ndrina guidata da Pasquale Pititto (indagato). Dei loro punti di contatto con la mala vibonese vengono a conoscenza alcuni detenuti del carcere cosentino. Un periodo di detenzione sufficiente a riempire le celle ei corridoi del penitenziario di confessioni inerenti l’attività criminale.

«L’innalzamento della dote nel carcere di Cosenza»

E’ il pentito Giuseppe Zaffonte a rendere edotti gli investigatori sulle figure dei fratelli Prostamo, in un interrogatorio rilasciato il 14 ottobre 2022. Nello specifico il collaboratore precisa di aver appreso, da altri soggetti reclusi, «che entrambi i fratelli erano organici alla ‘ndrangheta già prima di essere ristretti». Sarebbe stato lo stesso Francesco Prostamo, a confessare a Zaffonte, di essere «destinatario di un innalzamento di dote, all’interno del carcere in occasione della comune detenzione». La circostanza è utile a chi indaga per formulare l’identikit dell’indagato, considerato «un associato della ‘ndrina di Mileto, viste le sue interazioni con gli altri sodali grazie alle quali era a conoscenza delle questioni più riservate della cosca». E’ sempre il collaboratore di giustizia Zaffonte a riferire una circostanza che avrebbe convinto gli investigatori della bontà del suo racconto. Nell’occasione, il pentito avrebbe dato notizia del trasferimento di “Giubba” dal carcere di Cosenza a quello di Vibo Valentia, il 20 febbraio 2014, circa un mese dopo quindi rispetto all’ingresso nella struttura carceraria cosentina dello stesso pentito avvenuta il 27 gennaio 2014. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x