Ultimo aggiornamento alle 7:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

l’idea

Attisani: «L’aeroporto di Lamezia Terme sia intitolato a Fulco Ruffo di Calabria»

La proposta del presidente dell’associazione “Radicando” dopo la visita in questi giorni del principe (omonimo) nella regione

Pubblicato il: 28/09/2023 – 12:44
Attisani: «L’aeroporto di Lamezia Terme sia intitolato a Fulco Ruffo di Calabria»

CATANZARO È in questi giorni in visita in Calabria per conoscere, e far conoscere, i suoi borghi più belli, il principe Fulco Ruffo di Calabria, nipote di Paola Ruffo di Calabria consorte di re Alberto II, regina dei Belgi, il cui padre (e nonno del principe) era quell’omonimo Fulco Ruffo di Calabria eroe e asso del Servizio Aeronautico del Regio Esercito Italiano nella Prima guerra Mondiale, tra l’altro principe di Scilla e conte di Nicotera. I Ruffo di Calabria sono una delle famiglie della nobiltà italiana più antiche e blasonate, già annoverata tra le sette più grandi casate del Regno di Napoli, e strettamente legata alla Calabria non solo per il suo “nomen omen”, ma per la sua presenza importante e determinante nel territorio sin dall’anno Mille, con probabili origini normanne, e con vari possedimenti tra cui lo spettacolare Castello di Scilla, antica fortificazione sul promontorio proteso sullo Stretto di Messina, che ospita il faro della Marina Militare.
Fulco Ruffo non ha fatto mai mistero del suo stretto e appassionato legame con la regione bruzia, e proprio in questi ultimi tempi lo si è visto attivarsi come spontaneo “ambasciatore” delle sue bellezze e ricchezze, con la convinzione, più volte esplicitata, che sia venuto il momento di rivendicarne l’unicità e le potenzialità di meta turistica di eccellenza.


Tra le tappe di questo suo entusiasmante tour, il principe è stato accolto a Montepaone Lido dal presidente dell’Associazione “Radicando” di Girifalco (nel Catanzarese), l’avvocato Vincenzo Fulvio Attisani, noto penalista e anche fervido operatore e animatore culturale, tra l’altro presidente del Premio “Brigantino d’Oro” attribuito ogni anno a personalità calabresi distintesi nel mondo; con lui, Mario Iannelli presidente dell’Associazione culturale “Ione” di Stalettì, e Massimo Brescia conduttore di Radio Ciak. Durante l’incontro, in cui si è ragionato di varie iniziative da mettere in campo per le accennate finalità promozionali, relazionali e d’immagine a favore della Calabria, Attisani ne ha proposto una particolarmente significativa: l’intitolazione dell’aeroporto di Lamezia Terme all’eroe dell’aria, capitano Fulco Ruffo di Calabria, Medaglia d’oro.
«Aeroporti in tutto il mondo – ha spiegato Attisani – sono giustamente intestati a personalità legate al volo e all’aviazione, come per esempio in Italia quello di Lugo di Romagna, che porta il nome del grande Francesco Baracca, o quello di Galatina intitolato a Fortunato Cesari, Medaglia d’Oro  al valor militare per le operazioni in Africa Orientale Anche in Calabria, quello di Reggio è intitolato a Tito Minniti, sottotenente della Regia Aeronautica e Medaglia d’oro al valor militare per la Guerra in Etiopia, dove morì tragicamente. A Ruffo di Calabria sono poi intestati il viale che porta da Napoli all’aeroporto di Capodichino, una via vicino lo scalo di Roma Fiumicino, e un’altra in prossimità di quello di Palermo Punta Raisi. E comunque, anche al di là di questo riferimento specifico al tema dell’aviazione, il cognome di Ruffo di Calabria con quel ‘di Calabria’ appunto al suo interno, e con il suo prestigio internazionale, costituirebbe una significativa opportunità per trasmettere e veicolare storia, valori, tradizioni e ‘nobiltà’ del nostro territorio, con un’intitolazione credo generalmente condivisibile e scevra da quei campanilismi che finora hanno impedito una decisione consensuale per il nome del nostro principale scalo».
Il nobile nipote del grande aviatore si è detto felice di questo suggerimento e di questa bella intuizione dell’avvocato Attisani, condividendone le motivazioni, e pronto a “garantire” il pieno appoggio suo e della famiglia reale, anche con l’immaginabile beneficio per il territorio che potrebbe derivare dai legami internazionali che questa può vantare tra teste coronate e non solo, in tutto il mondo.              
Mario Iannelli ha ricordato a proposito il recente ritrovamento dello “Spad”, il prestigioso caccia della Prima guerra mondiale, di fabbricazione francese, il più antico esistente al mondo, appartenuto proprio all’eroe Fulco Ruffo di Calabria, poi restaurato e ora conservato al Museo Vigna di Valle, sul lago di Bracciano, e alla cui inaugurazione hanno presenziato proprio Alberto II e la regina Paola di Liegi: «già da solo – ha tenuto a sottolineare Iannelli – è stato questo un fatto rilevante, che ha trovato ampio spazio sulla stampa per aver riportato alla luce una grande pagina di storia italiana e mondiale. L’intitolazione dello scalo di Lamezia, con tutte le azioni di promozione che si potranno costruirci intorno, e lo dico anche da operatore turistico, potrebbe essere allora e certamente una gran bella cosa e un trampolino di lancio per una regione che ha urgente bisogno di recuperare terreno in campo turistico e non solo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x