Ultimo aggiornamento alle 9:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

malasanità

Curia: «Il caso Siderno e l’amara vicenda della salute mentale nel Reggino»

Il portavoce di Comunità Competente sul rischio chiusura delle Strutture sanitarie psichiatriche Davide e Maria Chiara (20 posti letto)

Pubblicato il: 21/10/2023 – 13:36
Curia: «Il caso Siderno e l’amara vicenda della salute mentale nel Reggino»

«La vicenda delle Strutture sanitarie psichiatriche Davide e Maria Chiara, site nel Comune di Siderno, la cui chiusura comporterebbe la perdita di 20 posti letto con altrettanti pazienti costretti ad essere trasferiti dall’Azienda Sanitaria fuori provincia o addirittura fuori regione è la cartina di tornasole di come viene vissuta la tutela della salute nella nostra Regione»: così Rubens Curia, portavoce di Comunità Competente.
«Infatti – continua – anziché dare risposte a problemi che nella salute mentale si trascinano da decenni si sceglie il continuo rinvio finché le  problematiche non esplodono nella loro drammaticità come è la questione delle 8 cooperative che seguono i pazienti psichiatrici e che da anni chiedono un tavolo tecnico ad hoc dove dirimere la loro peculiare situazione in merito alle autorizzazioni e all’accreditamento ed adesso, tenendo conto dell’appello del presidente del Goel Vincenzo Linarello, c’è il serio rischio  della chiusura delle due Strutture Sanitarie della Locride  che hanno operato ottimamente lasciando l’Asp con solo 10 posti letto accreditati!».
Per Curia «le Strutture sanitarie psichiatriche non sono degli uffici che puoi trasferire e riaprire in poche settimane, ma Strutture che, una volta trasferite. necessitano delle autorizzazioni e dell’accreditamento che nella nostra Regione, per ottenerli, ci vogliono anni!La salute mentale, in Calabria, è la figlia di un Dio minore in una sanità  con gravi problemi, infatti il ” Piano di rientro” con il blocco delle assunzioni    ha desertificato i Dipartimenti di salute mentale ed i Centri di salute Mentale riducendo al lumicino il diritto  alle cure. In Calabria – aggiunge – avvertiamo, però, in questo momento dei segnali positivi che nascono dalle lotte delle Associazioni dei pazienti e dei familiari, dal terzo settore e dal mondo del Volontariato che hanno visto accolte dal commissario Occhiuto alcune proposte come l’istituzione del Coordinamento regionale della salute mentale dell’adulto e dell’adolescente che dovrà approvare il “Piano d’azione regionale” o l’apertura del Rems di Girifalco, il concorso espletato dall’Azienda Ospedaliera Pugliese Ciaccio per psicologi dalla cui graduatoria possono attingere le Aziende Sanitarie e nell’Asp di Reggio la sensibilità e professionalità della direttrice generale Di Furia che fanno ben sperare».
«Ci appelliamo, come Comunità Competente, perché l’amministrazione comunale di Siderno, il management aziendale e la Prefettura valutino insieme al Goel, nel rispetto della legge, di non disperdere questa ottima esperienza e si adoperino nel preminente interesse dei pazienti e delle loro famiglie», conclude il portavoce di Comunità Competente.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x