Ultimo aggiornamento alle 14:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

il risultato

Il nuovo reparto di oncologia nella Locride è quasi realtà, i cittadini donano oltre 230mila euro

Proseguono senza sosta i lavori di completamento. Il presidente dell’associazione Angela Serra: «La consegna prima dell’estate»

Pubblicato il: 12/01/2024 – 8:46
di Mariateresa Ripolo
Il nuovo reparto di oncologia nella Locride è quasi realtà, i cittadini donano oltre 230mila euro

LOCRI «La popolazione della Locride ha dimostrato una generosità incredibile. In poco meno di due anni, attraverso le varie iniziative che sono state realizzate sul territorio, hanno portato oltre 230mila euro nelle casse dell’associazione per il progetto. Comminati con il mutuo che avevamo contratto, con i finanziamenti della sede nazionale e con l’importantissimo contributo della Regione Calabria, abbiamo potuto prendere la decisione di assegnare i lavori per il completamento dell’opera». Un risultato che il dottore Massimo Federico, presidente dell’associazione Angela Serra, definisce «straordinario» e «inaspettato». Eppure quello che inizialmente appariva come un sogno difficile da realizzare, oggi sembra molto più simile a una realtà tangibile. Vanno avanti spediti i lavori per la realizzazione del nuovo reparto di oncologia a Locri, un progetto che l’associazione modenese guidata da Federico ha portato nella Locride e che fin da subito ha trovato il supporto di altre associazioni, cittadini e istituzioni.

Il progetto

Tutto era iniziato con l’obiettivo di realizzare quello che per molti cittadini della Locride è davvero un sogno: essere curati e poter guarire «con il mare intorno», poco distanti dai propri cari, senza dover per forza affrontare i cosiddetti “viaggi della speranza” in altre province calabresi, o peggio altre regioni.
Il progetto nasce nell’aprile 2021. L’associazione ha fatto a proprie spese prima un progetto di massima e poi la progettazione esecutiva. Illustrato lo scorso luglio, il progetto proposto è su un’area di circa 1000 metri quadrati, dove sono previste tre distinte aree: una ambulatoriale per le visite e i controlli ambulatoriali, una di Day Hospital per infusione farmaci e una di degenza.

La nuova oncologia sarà collegata al cuore dell’ospedale tramite un corridoio interno ed è stata realizzata per essere di facile accesso, con parcheggio e area verde dedicati. Dopo l’accordo raggiunto con l’Asp di Reggio Calabria per l’ottenimento del diritto di superficie, l’ottenimento del finanziamento e infine l’avvio dei lavori che dovrebbero terminare a breve. «Il cantiere non si è mai fermato, contiamo prima dell’estate di consegnare i lavori già finiti».

Un milione e 234mila euro i fondi raccolti in totale

«Tempi record per un’opera nel pubblico», ha spiegato il presidente Federico nel corso di un evento durante il quale ha illustrato i risultati raggiunti e i fondi disponibili. Dai cittadini sono stati raccolti oltre 234mila euro e organizzati oltre 30 eventi in due anni a favore del progetto. La Regione lo scorso novembre si è impegnata a stanziare 500mila euro. Duecentomila euro sono stati stanziati dall’associazione Angela Serra, che nell’aprile 2023 ha contratto un mutuo di ulteriori 300mila euro. Un milione e 234mila euro sono i fondi raccolti in totale.

incontro locri nuova oncologia

L’impegno dei cittadini

«Chi vive lontano dalla realtà pensa che la Locride sia solo cattiva pubblicità, brutti eventi, fatti di cronaca nera. La Locride è un’area geografica dove vive gente operosa, appassionata, e che si è impegnata per la realizzazione di un sogno in una maniera probabilmente superiore anche alle aspettative», ha detto il dottore Federico che ha messo in rilievo il grandissimo impegno profuso dai cittadini. Impegno sottolineato anche dal sindaco di Locri Giuseppe Fontana e dall’assessore regionale Giovanni Calabrese, presenti all’evento. «Un risultato importante – ha sottolineato Calabrese – e un progetto che la Regione ha inteso anche sostenere con un finanziamento ad hoc, un segnale importante di come pubblico e privati cittadini possono operare insieme nell’interesse del territorio e della sanità. Il presidente Occhiuto ha fortemente voluto sostenere il percorso del progetto proposto dall’associazione Angela Serra che tra l’altro è un ulteriore tassello per la crescita del nostro ospedale». «Il valore aggiunto dell’associazionismo va riconosciuto», ha commentato il direttore generale dell’Asp di Reggio Calabria Lucia Di Furia, che ha parlato dell’importanza di sostenere il mondo dell’oncologia: «Io vengo dall’oncologia, è chiaro che sono sicuramente molto sensibile su questo tema, ci stiamo attivando per fare in modo, dalla parte infrastrutturale alle tecnologie, ai professionisti, di far crescere questo settore come è giusto che sia, riducendo per quanto possibile anche il fenomeno della migrazione sanitaria». (m.ripolo@corrierecal.it)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x