Ultimo aggiornamento alle 10:47
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la testimonianza

La sorella di una vittima a Crotone: «Penso sempre a quello che ha potuto passare quella notte mio fratello»

Zahra Barati presente alla cerimonia sul lungomare cittadino: «Doveva raggiungermi in Finlandia»

Pubblicato il: 25/02/2024 – 12:08
La sorella di una vittima a Crotone: «Penso sempre a quello che ha potuto passare quella notte mio fratello»

CROTONE Zahra Barati (nella foto di copertina con il fratello Sajad, morto a Cutro) guarda con gli occhi tristi la fila di 94 alberi piantati in ricordo delle vittime della strage di Cutro. Nonostante la pioggia battente che la bagna, resta immobile. Uno degli alberi, un corbezzolo, è dedicato al fratello, Sajad, un ragazzo afgano di 23 anni, morto un anno fa nel naufragio di Steccato di Cutro. «Il suo sogno era quello di raggiungermi in Finlandia, per potere studiare e lavorare. E magari costruirsi una famiglia lì», dice Zahra con un filo di voce, mentre tenta di ripararsi dall’acqua che cade copiosa. Ad accompagnarla c’è il marito, anche lui afgano. La coppia vive da due anni in Finlandia. Il marito da prima. La ragazza, che studia finlandese e infermieristica, racconta l’entusiasmo del fratello quando si era avvicinato il momento della traversata dalla Turchia per l’Italia. «Mi ha chiamata quando è arrivato in Turchia per dirmi il giorno e l’ora della sua partenza», racconta all’Adnkronos in un inglese incerto. Si scusa perché non conosce bene la lingua. «Ma sto imparando il finlandese che già è una lingua difficilissima…», aggiunge.
Il giorno prima della strage una persona, una sorta di intermediario tra le famiglie dei migranti in partenza e gli scafisti l’ha avvisata che il fratello sarebbe partito da lì a poco. Ma poche ore dopo, il cognato di Zahra, che fa il giornalista in Afghanistan, ha saputo di una imbarcazione naufragata nei pressi delle coste italiane. Solo dopo due giorni Zahra ha saputo che tra le vittime c’era anche il fratello. Così è partita dalla Finlandia, è arrivata a Crotone dove ha riconosciuto, al Palamilone, la salma del fratello.

Zahra Barati, con la foto del fratello

I genitori di Zahra vivono in Iran, con le due sorelle, che sono ancora piccole. «Lì è diventato molto pericoloso vivere», dice. Il suo desiderio sarebbe quello di un ricongiungimento con i familiari in Finlandia. E racconta che un anno fa i parenti delle vittime furono invitati a Palazzo Chigi. «Chiedemmo di poterci ricongiungere con i miei genitori e le mie sorelle, ma dopo un anno non abbiamo saputo più nulla. I miei genitori non possono neppure portare un fiore sulla tomba del loro figlio in Finlandia». Zahra due anni fa è riuscita ad arrivare in Finlandia grazie al ricongiungimento con il marito che vive in Europa da sei anni. Da quando è morto il fratello si affida a una psicologa. «Anche studiare diventa sempre più difficile», dice. «Penso sempre a mio fratello e a quello che ha potuto passare quella notte, prima di morire annegato».
Nelle scorse settimane il tribunale di Crotone ha condannato uno scafista accusato della morte delle vittime del naufragio. Gun Ufuk, turco, è stato condannato a 20 anni di carcere. Anche se lui si è sempre dichiarato innocente. «Se è colpevole allora la condanna è giusta – dice Zahra -Ma io chiedo giustizia per mio fratello anche per i mancati soccorsi. Chissà, magari se fossero stati più veloci oggi poteva essere qui con me». Intanto continua a diluviare a Crotone. Anche il cielo piange per le vittime di Steccato di Cutro.

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x