Ultimo aggiornamento alle 16:51
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Le indagini

Vibo, si appropriava dei soldi della cooperativa “Nautilus”: arrestato liquidatore

Le ingenti somme derivavano dalla procedura concorsuale. Una persona ai domiciliari, sequestrati beni per oltre 864 mila euro

Pubblicato il: 29/02/2024 – 12:48
Vibo, si appropriava dei soldi della cooperativa “Nautilus”: arrestato liquidatore

VIBO VALENTIA Una persona è stata arrestata e posta ai domiciliari per il reato di peculato, con un conseguente sequestro preventivo di beni per un ammontare pari a 864.396,00 euro, finalizzato alla confisca per equivalente, nei confronti di due soggetti e di una società operate nel settore dell’elaborazione dati. Le misure cautelari, emesse dal Gip del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della Procura della Repubblica, sono state eseguite dalla Sezione di Polizia giudiziaria – aliquota Guardia di finanza – della Procura della Repubblica di Vibo Valentia. Le indagini hanno permesso di appurare come uno degli indagati, nominato dal ministero dello Sviluppo Economico quale commissario liquidatore della società cooperativa vibonese “Nautilus”, posta in liquidazione coatta amministrativa, si sia appropriato, nel tempo, di ingenti somme di denaro della procedura concorsuale – pari all’importo sequestrato – attraverso assegni e bonifici, privi di giustificazione, sia in favore proprio che a beneficio di un’altra persona, nonché di una società riconducibile al proprio nucleo familiare.

Usati due conti correnti diversi

In particolare, dagli accertamenti svolti è emerso che il commissario liquidatore avesse aperto due conti correnti intestati alla società in liquidazione coatta amministrativa, uno solo dei quali veniva reso noto al ministero dello Sviluppo Economico, e tramite gli stessi effettuasse importanti movimentazioni di denaro, senza fornire alcuna rendicontazione né documentazione giustificativa, procurando così un indebito vantaggio economico a sé e a soggetti a lui vicini, causando al contempo un danno patrimoniale di rilevante gravità alla società in liquidazione e ai creditori della stessa. Al professionista viene, inoltre, contestato il reato di cui all’art. 223 del R.D. 267/1942, per aver aggravato il dissesto della società esponendo fatti non rispondenti al vero.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x