Ultimo aggiornamento alle 18:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il troncone catanzarese

“Re Nudo”, la Corte d’Appello di Catanzaro conferma il non luogo a procedere per tutti gli imputati – NOMI

Respinto il ricorso presentato dalla pm. L’operazione era stata coordinata dalla procura di Paola

Pubblicato il: 06/03/2024 – 14:05
di Fabio Benincasa
“Re Nudo”, la Corte d’Appello di Catanzaro conferma il non luogo a procedere per tutti gli imputati – NOMI

CATANZARO La Corte di Appello di Catanzaro (presidente Antonio Battaglia; a latere Carlo Fontanazza e Paola Ciriaco) si è pronunciata in merito all’appello contro la sentenza di non luogo a procedere nei confronti degli indagati prosciolti dal gup di Paola, il 10 giugno 2021, coinvolti nell’operazione denominata “Re Nudo”. L’appello è stato presentato dal sostituto procuratore Maria Francesca Cerchiara. La Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso della pm nei confronti di 51 indagati, per i quali era stato deciso il non luogo a procedere in riferimento a capi singoli contestati. Il nutrito Collegio difensivo è composto, tra gli altri, dagli avvocati Luigi Crusco, Francesco Liserre, Antonio Crusco, Enzo Belvedere, Achille Tenuta, Paolo Tenuta, Oriana Faillace, Giuseppe Bruno, Carmelina Truscelli, Egidio Rogati, Franz Caruso, Norina Scorza, Antonio Vetere, Vito Caldiero, Andrea Napolitano, Francesco Cristiani, Gianpiero Gagliardi, Alessandro Gaeta.

L’inchiesta

Coordinata dalla Procura di Paola, guidata all’epoca dal procuratore Pierpaolo Bruni (oggi a Santa Maria Capua Vetere) l’indagine poggia sulla presenza di presunti reati posti in essere anche dall’ex sindaco di Scalea Mario Russo, in qualità di dirigente dell’unità di medicina legale dell’Asp di Cosenza. Tali attività illecite, l’ex primo cittadino, le avrebbe commesse nell’ambito della commissione per l’accertamento dell’invalidità e dell’handicap di Diamante, nonché in riferimento alle certificazioni finalizzate al rinnovo-rilascio di patenti di guida o, ancora, dei porto d’armi.

I nomi degli imputati

Blevio Ivana; Martorello Antonio; Cairo Francesco; Cairo Giovanni; Candia Pamela; Crusco Antonio; Castaldi Michele Meriglio; Cauteruccio Domenico Ciriaco; Ceresetti Anna; Giaccio Vincenzo; Laino Filomena; Girimele Maria; Covelli Francesco; D’alessandro Raffaella; D’anna Raffaele; Del Core Marco; Diurno Anna; Dulcetti Emanuele; Faillace Francesco; Falcone Nicola; Falcone Roberta; Forestieri Virgilio; Giuliano Giovanni; Iuele Maria Lucia; Magurno Grazia; Mannarino Alessandra; Siciliano Francesco; Marino Francesco; Marino Giuseppina Lina; Moliterni Vincenzo; Morelli Giovanni Battista; Nisticò Francesco; Oliva Francesco; Pellegrino Pasquale; Perrone Antonella; Salemme Giovanni; Riccardi Mario; Riccio Paolo; Rizzo Daniela; Russo Luca; Scarniglia Antonella; Servldio Giudo; Servidio Marianna; Silvestri Paolo; Spagnolo Danilo; Stasi Donato; Terranova Nicolina; Tramontano Luciano; Tieso Ines Rosaria; Vidiri Francesco; Zuccarelli Ottorino; Baldo Massimo; Coccimiglio Antonia; Mandato Giuseppe; Marino Massimiliano; Marino Paolo; Oliveto Nicola; Pintozzi Giuseppe; Russo Mario; Tarallo Lorenzo; Tarallo Vincenzo. (f.benincasa@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x