Ultimo aggiornamento alle 20:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Antoniozzi: «Il professore Pupo aggredito e censurato all’Università della Calabria»

La denuncia del vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. «Il rettore Leone chiarisca»

Pubblicato il: 10/03/2024 – 10:41
Antoniozzi: «Il professore Pupo aggredito e censurato all’Università della Calabria»

ROMA «Il professor Spartaco Pupo (in foto, ndr), docente alla facoltà di scienze politiche dell’Università della Calabria, ha subito una vera e propria lapidazione pubblica da settori dell’estrema sinistra per la colpa di avere citato Hume (!) uno dei massimi pensatori liberali, in occasione della festa della donna. Ma, cosa ancora più grave, dopo essere stato aggredito pubblicamente, ha ricevuto una sorta di esortazione istituzionale da un soggetto che scrive a nome dell’Ateneo che gli chiedeva di cancellare il post incriminato minacciando l’avvio di procedimenti disciplinari». Lo afferma il vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Alfredo Antoniozzi. «La frase incriminata riportata da Pupo – spiega Antoniozzi – è quella nella quale Hume parla di “superiorità fisica dell’uomo nei confronti della donna per la quale sono necessari comportamenti civili”. Una frase scritta trecento anni fa e del tutto civile e attuale. In un Paese nel quale una filosofa comunista esalta Barbara Balzerani, uno studioso di destra deve subire comportamenti reazionari per i quali annuncio già un’interrogazione al ministro Bernini. È veramente sconcertante vedere come nelle Università trionfi ancora il pensiero unico e si attuino comportamenti inaccettabili. Il rettore Leone è chiamato a chiarire questa bruttissima vicenda che getta brutte ombre su Arcavacata e a quale titolo un soggetto estraneo all’istituzione si sia permessa di censurare un docente universitario che ha citato uno dei padri del pensiero liberale mondiale e non una delle brigatiste che organizzo l’eccidio di Via Fani. Al professor Pupo – continua Antoniozzi – l’invito a non mollare e a continuare il suo lavoro di prestigio per la Calabria. Al Rettore Leone l’invito a fare immediatamente chiarezza su una vicenda che è indicativa del doppiopesismo imperante in Italia, che mortifica le basi del pensiero critico e della società aperta, ancora oggi ostaggio di minoranze aggressive e intolleranti».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x