Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

indagine “Perfido”

‘Ndrangheta in Trentino, imprenditore condannato per bancarotta

La Corte d’Assise d’Appello ha inflitto la pena di due anni e otto mesi per bancarotta fraudolenta documentale e appropriativa

Pubblicato il: 26/03/2024 – 9:31
‘Ndrangheta in Trentino, imprenditore condannato per bancarotta

TRENTO Nuova condanna per Domenico Morello, già condannato dalla Corte d’assise d’appello di Trento a dieci anni per associazione di stampo mafioso nell’ambito del procedimento scaturito dall’indagine ‘Perfido’ sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel settore del porfido in Trentino. Ieri il giudice dell’udienza preliminare Marco Tamburrino ha accolto la richiesta della pm Maria Colpani di due anni e otto mesi di reclusione per bancarotta fraudolenta, documentale e appropriativa. Il fatto riguarda il fallimento della società Selit scarl, aperta da Morello nel 2015. La società, con sede principale a Trento, era stata sequestrata al termine dell’indagine “Perfido“, assieme alle altre società di cui Morello era il rappresentante legale. Secondo l’accusa, Morello avrebbe portato al fallimento la società, insolvente nei confronti del fisco per 1,7 milioni di euro, attraverso l’evasione. L’azienda, che avrebbe avuto anche una sede fittizia a Roma, sarebbe stata abbandonata a partire dal 2018. Nella sentenza, il gup ha riconosciuto 1,5 milioni di euro di danni per fallimento. La difesa ha chiesto l’applicazione di lavori di pubblica utilità in sostituzione alla pena detentiva. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x