Ultimo aggiornamento alle 20:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

frontiere

La citazione di Gaber e la «militanza partecipata». Monsignor Checchinato e la forza del cambiamento

L’Arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano in piazza Santa Teresa parla di guerra e pace. «Dobbiamo fare la nostra parte»

Pubblicato il: 13/04/2024 – 11:35
La citazione di Gaber e la «militanza partecipata». Monsignor Checchinato e la forza del cambiamento

COSENZA E’ uno dei luoghi più frequentati dai giovani cosentini, Piazza Santa Teresa è centro nevralgico della movida bruzia. In un insolito venerdì sera, gli spritz e gli apericena lasciano spazio alle narrazioni di guerra e pace, di conflitti e tentativi di cessate il fuoco. A pochissimi metri da Corso Mazzini, l’Arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano Mons. Giovanni Checchinato guadagna la scena in apertura dell’appuntamento conclusivo di giornata del festival “Frontiere”. Si svolge dall’11 al 14 aprile a Cosenza, su iniziativa dell’Ufficio Migrantes di Cosenza-Bisignano, con il patrocinio dell’Unical e il sostegno della Fondazione Migrantes. Quattro giorni dedicati a quattro parole chiave: asilo, pace, accoglienza, popoli. Quattro giorni in cui si discute di linguaggio, diritti umani con talk itineranti nel cuore della città dei bruzi.

Monsignor Checchinato, questo è un festival itinerante nel cuore delle piazze principali della città di Cosenza, avete abbattuto le Frontiere

«Siamo abituati a pensarle come dei luoghi che limitano, in realtà la frontiera come parola, ha come etimologia ciò che sta di fronte e quindi ciò verso cui si deve concentrare il nostro sguardo. Non possiamo sempre e solo autocontemplarci perché chi si autocontempla non cresce.

Qualcuno l’ha definita Vescovo “militante”, qualche altro ha storto il naso quando l’ha vista in piazza a manifestare contro l’autonomia differenziata

«Non mi piace il termine militanza perché ricorda il militare. Però certamente la militanza significa partecipazione e nessun uomo, nessuna donna è escluso ed esclusa da questa responsabilità e da questo impegno. Non possiamo aspettare che siano gli altri a costruirci un mondo migliore, dobbiamo fare la nostra parte. Qualcuno ha storto il naso quando ho deciso di partecipare alla manifestazione contro l’autonomia differenziata e in quella occasione ho citato Giorgio Gaber, una sua bella canzone in cui lui diceva “libertà è partecipazione“.

Viviamo un tempo di guerra, sperando nella pace. La Calabria anche in questa occasione, si è dimostrata terra capace di accogliere e aiutare chi è in difficoltà

«La Calabria ha dimostrato nell’accoglienza della gente semplice un sentimento vero, la solidarietà vera e questo mi stupisce. La forza del cambiamento raramente passa per i grossi centri, passa invece per le periferie e la Calabria – periferia rispetto all’Italia – sta mostrando che si può pensare e agire in maniera diversa». (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x