Ultimo aggiornamento alle 15:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

via libera

Europarlamento: ok al Patto di stabilità, ma dall’Italia solo 4 voti a favore

Astenuti i partiti italiani della maggioranza di centrodestra e il Pd. M5s vota contro

Pubblicato il: 24/04/2024 – 8:01
Europarlamento: ok al Patto di stabilità, ma dall’Italia solo 4 voti a favore

Una votazione rapida, con una maggioranza che non lascia spazio a dubbi ma nella quale spicca un grande assente: l’Italia. Il nuovo Patto di stabilità e crescita è all’ultimissimo miglio prima di entrare in vigore e ha incassato, a Strasburgo, il via libera definitivo del Parlamento Ue. Il testo cambia le regole del gioco nella governance economica mantenendo da un lato i parametri del 3 e del 60% per il deficit e per il Pil ma concedendo dall’altro dei piani di rientro più graduali per i Paesi ad alto debito. Ai partiti italiani, tuttavia, il compromesso raggiunto lo scorso 21 dicembre dai ministri dell’Economia dei 27 non è bastato. Solo 4 eurodeputati italiani hanno votato a favore. Il centrodestra, in blocco, si è astenuto, così come il Pd. Il M5S e i Verdi hanno votato contro. A votare il testo chiave del Patto, il cosiddetto braccio preventivo con i nuovi parametri di bilancio, tra gli italiani sono stati Herbert Dorfmann e Lara Comi del Ppe, Marco Zullo e Sandro Gozi di Renew. Con quest’ultimo che, tra i banchi del Pe, siede nelle fila dei macroniani. 
Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, che a dicembre aveva dato il suo placet alla faticosissima intesa raggiunta sulla spinta franco-tedesca, era stato avvertito della posizione della maggioranza. Ma certo, dopo il Patto sulla migrazione e asilo, i partiti del centrodestra hanno nuovamente messo per iscritto i propri distinguo rispetto alla posizione dell’esecutivo. “Le forze di governo hanno sfiduciato Giorgetti”, è stato l’attacco del M5S, con Giuseppe Conte che ha gettato il guanto di sfida alla premier: “Il premio facce di bronzo va a Meloni e soci. In campagna elettorale erano ‘i patrioti’, al governo hanno dato l’ok a questo accordo che danneggia l’Italia”, ha attaccato l’ex premier. “L’astensione del centrodestra è clamorosa, il governo è stato sconfessato”, ha incalzato il capodelegazione dei Dem Brando Benifei. “Abbiamo unito la politica italiana”, ha scherzato il commissario agli Affari Economici Paolo Gentiloni mentre Carlo Calenda ha osservato: “Andava votato dopo le Europee”. 
Le nuove regole sono chiamate all’ultima ratifica il 29 aprile, in occasione della riunione dei ministri dell’Agricoltura. E se nessuno si opporrà, saranno realtà. “Il nuovo Patto non è perfetto ma è un buon compromesso”, ha spiegato in Aula Gentiloni vedendo, per l’Italia, il bicchiere mezzo pieno: “Ha una doppia sfida, quella di politiche di bilancio prudenti e quella di continuare con investimenti pubblici che aiutino la crescita. E con le attuali regole questa sfida sarebbe forse molto, molto difficile da attuare”. Il nuovo Patto cerca infatti di mantenere dei parametri rigidi per il rientro dal debito e dal deficit, introduce sul deficit la soglia dell’anti-crisi dell’1,5% del Pil ma concede qualcosa a Paesi come Italia, Belgio, Grecia, Francia o Spagna, che hanno debiti elevati. I governi potranno concordare con Bruxelles un piano di rientro che va da 4 a 7 anni in cambio della messa in campo di riforme per crescita e conti sostenibili.
Il taglio annuale del debito, per chi è sopra la soglia del 90% del Pil, resta dell’1% annuo. Sul deficit, i Paesi che sforano il 3% sono chiamati ad una riduzione dello 0,5% annuo ma con un periodo transitorio che arriva fino al 2027 e nel quale la percentuale potrà essere ridotta. Il sì al Patto, dopo la crisi del Covid e lo scoppio della guerra in Ucraina, riporta tuttavia l’Ue ad una situazione di normalità. E per l’Italia non è una buona notizia. Il 19 giugno l’Ue deciderà sulle procedure per disavanzo. “Guardando ai dati Eurostat si può avere un’anticipazione della potenziale decisione”, ha spiegato Gentiloni sottolineando, tuttavia, che tale decisione verrà presa solo a giugno. Ovvero, dopo le Europee. L’Italia, con il 7,4% del deficit appena certificato dall’Eurostat, è ad altissimo rischio. “II Paese continua a far fronte a vulnerabilità legate a debito, deficit e crescita della produttività”, si legge nelle conclusioni degli esami approfonditi della Commissione Ue sugli squilibri macroeconomici dei 27. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x