Ultimo aggiornamento alle 15:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’analisi

Ponte sullo Stretto, pedaggio uguale a quello dei traghetti

Risparmio nel tempo di percorrenza (15 minuti su rotaia e 10 su strada) ma posti di lavoro sulle navi a rischio

Pubblicato il: 08/05/2024 – 10:24
Ponte sullo Stretto, pedaggio uguale a quello dei traghetti

Quanto costerà passare in auto sul Ponte sullo Stretto? La risposta la dà il Fatto Quotidiano in un dettagliato articolo di Manuela Modica: secondo l’analisi costi benefici della Stretto di Messina Spa, società che dovrebbe realizzare l’opera, il pedaggio avrà un costo minimo di 32-36 euro, ovvero uguale a quello attuale del traghettamento che non sarebbe più sostenibile economicamente. L’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente avverte il ministero: «Analizzare la ricaduta economica/occupazionale della cessazione degli attuali servizi». A rischio i posti di lavoro sulle navi.
La risposta sul prezzo del pedaggio «si trova nella relazione di aggiornamento ed è stata redatta dai professori della Bocconi Roberto Zucchetti e Oliviero Baccelli, che l’hanno consegnata nel dicembre del 2023: “Per le classi di pedaggio dei veicoli stradali in transito sul Ponte – si legge nell’analisi -, sulla base delle indicazioni provenienti dalle relazioni sugli scenari di traffico, si ipotizzano valori coincidenti con le classi tariffarie dei traghetti al 2023”» si legge nell’articolo.
Tra gli  «altri scenari tariffari (…) ipotizzati» anche quelli che riguardano le ricadute occupazionali: una volta attivato il ponte «gli aliscafi sulle rotte Messina-Villa San Giovanni e Messina-Reggio Calabria, attualmente sovvenzionati per continuità territoriale, non saranno eserciti – si legge ancora nell’aggiornamento dell’analisi costi-benefici – in quanto, a meno di nuove sovvenzioni pubbliche ad oggi non previste, non potranno coprire i costi di produzione del servizio con i ricavi ottenibili alle tariffe attuali; al contrario, aumentando le tariffe, eventuali operatori a mercato non potranno competere con il servizio ferroviario metropolitano sul Ponte, che offrirà livelli di servizio equivalenti o migliori (tempi di percorrenza, frequenze, capillarità delle stazioni)».
I traghetti di Rfi tuttavia non saranno dismessi e resteranno pronti a partire in caso di emergenza, specifica il sito di FQ. «Mentre, secondo i professori della Bocconi il risparmio sarà nel tempo di percorrenza, stimato: “Il Ponte sarà in grado di assicurare tempi di attraversamento pari a circa 15 minuti per i servizi ferroviari diretti tra Villa San Giovanni e Messina Centrale e circa 10 minuti su strada (tra lo svincolo Santa Trada e lo svincolo Giostra). Si consideri che attualmente, non considerando i tempi di attraversamento del Ponte, il percorso da Torre Faro, dove sorgerà il pilone sul lato siciliano, fino al centro città è di venti minuti, senza traffico e andamento a velocità da città».


Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x